Flash News
itsqenfifrdeganoruessvzu

Investimenti in Campania, Regione pubblica bando rivolto alle imprese

È stato pubblicato sul Burc, il decreto dirigenziale che approva l'avviso per la selezione dei programmi di investimento finalizzati al «rilancio dei territori esclusi dalle aree di crisi non complessa, con uno stanziamento di risorse pari a 15 milioni di euro a valere sul POC 2014/2020».  La pubblicazione dell'avviso precede di un giorno la data del 4 aprile 2017, fissata da Invitalia per la presentazione delle domande di agevolazione da parte delle imprese localizzate nelle «aree di crisi non complessa» individuate per la Regione Campania.

Localizzazione degli interventi. L'avviso è rivolto alle imprese localizzate nei Comuni  ricompresi  negli allegati A e B del D.D. 114/2017, e precisamente:
1.      Allegato A - Comuni  appartenenti ai  SLL di S. Marco dei Cavoti, Oliveto Citra, Sala Consilina, Sessa Aurunca, Vallata, Telese Terme, Eboli e Piedimonte Matese, e  i Comuni esclusi di Napoli, Nola e Torre del Greco.
2.      Allegato B - Comuni ricadenti in Padula, San Bartolomeo in Galdo, Agropoli, Morcone, Mondragone, Roccadaspide, Colle Sannita, Sapri e Vallo della Lucania.

Leggi tutto...

Gal, stanziati 8 milioni per Taburno e Fortore. Grasso:”Cambio di marcia. Aree interne più attrattive”

Finanziata la strategia di sviluppo comune presentata alla Regione Campania dal Gal Taburno e dal Gal Fortore, ora uniti in una nuova Associazione Temporanea di Imprese (ATI) per rendere più competitivi i rispettivi territori in vista della programmazione del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020. Con decreto firmato oggi, giovedì 30 marzo 2017, la Regione stanzia infatti all’ATI Gal Taburno-Fortore 8 milioni di euro per avviare una politica di rigenerazione economica in uno dei territori a vocazione agricola più importanti della Campania. Guidata dal Gal Taburno, l’ATI copre un comprensorio di più di 50 comuni con aree di eccellenza come le valli Caudina, Telesina e Vitulanese, le colline beneventane e le terre fortorine.
 
“Abbiamo posto le condizioni – dichiara Mario Grasso, presidente del Gal Taburno – per disegnare un autentico e concreto strumento di azione partecipativa di rilancio di quest’area. Il Gal Taburno e Fortore riunisce comuni, enti locali e imprese allo scopo di creare reddito e nuovi posti di lavoro rafforzando le economie locali anche alla luce della maggiore potenzialità attrattiva di risorse che insieme si riesce a mettere in campo”.
 
“Sono entusiasta di questo risultato – aggiunge Francesco Sossi, presidente del Gal Fortore – le sfide cominciano adesso. Messi da parte i campanilismi a vantaggio del benessere di comunità più estese, abbiamo ora la possibilità di mostrare l’efficacia economica e sociale di un modello di azione partecipata per lo sviluppo delle aree interne”.
 
Fonte: tvsette.net
Leggi tutto...

Comunita' Montana del Fortore incontro con i sindacati. Spina: "Per il 2017 ancora non abbiamo ricevuto nulla"

Ieri pomeriggio, si è svolto l'incontro sindacale convocato dal presidente della Comunità Montana del Fortore, Zaccaria Spina.
All'incontro, tenutosi a San Bartolomeo in Galdopresso la sede della Comunità Montana, sono intervenuti: per l'Ente il presidente Zaccaria Spina, il vicepresidente Salvatore Brancaccio, la consigliera di San Giorgio la Molara delegata alla Comunità Montana, Marianna Paradiso, il responsabile del settore Pietro Giallonardo; per la parte sindacale Alfonso Iannace per Fai Cisl, Carlo Ciccarelli di Flai-Cgil e Antonio De Lillo per Uila-Uil. Presente anche nutrita e folta rappresentanza di operai forestali.
Ha aperto i lavori il presidente Zaccaria Spina, il quale ha posto l'accento sulla persistente situazione di incertezza sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista normativo “che – ha detto Spina –, purtroppo, condiziona molto la corretta e duratura programmazione relativa alla gestione del settore Forestazione”.

Leggi tutto...

Amministrative, otto Comuni al voto

Benevento - Sono otto i Comuni sanniti per un totale di ventimila elettori, che andranno alle urne per il rinnovo dei consigli comunali domenica undici giugno. Ieri con decreto del ministro dell’Interno Marco Minniti, è stata fissata la data per lo svolgimento delle consultazioni per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali. Gli otto comuni sanniti, avendo una popolazione inferiore ai quindicimila abitanti non sono interessati agli eventuali turni di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci che avranno luogo domenica 25 giugno.
In tutta Italia i Comuni interessati alla consultazione sono 1021. Nel dettaglio, 153 sono i comuni superiori ai 15000 abitanti, di cui 25 comuni capoluogo di provincia.
I Comuni sanniti che rinnovano i consigli comunali sono Apollosa elettori, 2.543 che voteranno in tre sezioni; Arpaia,1.718, 2 sezioni; Campolattaro, 1.410, 2 sezioni; Limatola,4.057, 4 sezioni; Molinara, 2.042, 2 sezioni; San Bartolomeo in Galdo, 6.934, 8 sezioni; Santa Croce del Sannio, 1,154, 1 sezione; Sassinoro 735, 1 sezione. Un test elettorale quindi abbastanza limitato nel Sannio, tenuto conto del numero degli elettori e la netta prevalenza di liste civiche che difficilmente sono attribuibili a forze politiche presenti a livello provinciale e nazionale. Ma come tutte le elezioni finiscono con l’avere sempre un significato per interpretare gli umori dei cittadini.
I primi cittadini uscenti sono: Apollosa Marino Corda; Arpaia, Mario Carmine D’Ambrosio; Campolattaro, Pasquale Narciso; Limatola, Mario Marotta; Molinara Giuseppe Addabbo; San Bartolomeo in Galdo, commissario prefettizio Vincenzo Lubrano; Santa Croce del Sannio, Antonio Di Maria; Sassinoro, Pasqualino Cusano.
L’unico Comune commissariato è San Bartolomeo in Galdo

Fonte: ilmattino.it

Leggi tutto...

San Bartolomeo, per il ministero si vota e iniziano a circolare i primi nomi

di Leonardo Bianco
 
A San Bartolomeo si scaldano i motori in vista delle comunali di primavera. Il ministero dell'Interno ha pubblicato l’elenco dei comuni nei quali si voterà per rinnovare il consiglio comunale. Tra questi c’è anche il Comune di San Bartolomeo.Per il ministero, dunque, i cittadini del comune fortorino dovranno recarsi alle urne, anche se sullo scioglimento del consiglio comunale, decretato lo scorso ottobre dal Presidente della Repubblica, pesa come un macigno la pronuncia del Tar. La sentenza dovrebbe uscire proprio in questi giorni. A meno che  la giustizia amministrativa, dunque, non accolga il ricorso dell’ex sindaco Gianfranco Marcasciano, e dei consiglieri a lui rimasti fedeli, tra qualche giorno si aprirà il toto-candidati, anche se c’è chi già da qualche mese si sta muovendo per non farsi trovare impreparato per la corsa al palazzo municipale. Per ora si viaggia nel campo delle ipotesi, ma c’è chi è pronto a scommettere sulla candidatura dell’avvocatessa Lina Fiorilli, pronta a scalare lo scranno più alto, dopo essere stata costretta, dalle dimissioni dei sette consiglieri, a lasciare quello da vicesindaco lo scorso agosto.
E sempre secondo i rumors un altro avvocato sarebbe pronto a scendere in campo per conquistare la carica di primo cittadino. Si tratterebbe di Erminio Pacifico, già sindaco all'inizio degli anni ’90.
In tutto ciò per ora restano fuori i partiti, anche perché che ormai da anni sono quasi scomparsi da San Bartolomeo in Galdo. Difatti, l’unico partito che potrebbe essere coinvolto nella prossima tornata elettorale è il Partito democratico. 
Però i Dem potrebbero arrivare divisi alle comunali, data la spaccatura  tra l’ex vicesindaco e una parte del partito. A questo punto toccherà al commissario del circolo locale, Italo Palumbo, fresco di nomina, ricomporre i pezzi.
Dunque, anche se si è in attesa della sentenza del Tar, qualcosa inizia a muoversi nel comune fortorino. Per ora non c’è nulla di ufficiale, l’unica certezza è che sarà una campagna elettorale lunga e infuocata.

Fonte: il blog di Antonio Bianco

Leggi tutto...

Lavori pubblici e infrastrutture nel Fortore: le precisazioni di Cacciano (Pd)

In merito alla notizia apparsa sui media in queste ore riguardante i lavori per la variante all’abitato di San Marco dei Cavoti e il miglioramento del collegamento tra San Bartolomeo in Galdo e Foiano in Val Fortore, è obbligo precisare e chiarire che tali interventi rientrano in un pacchetto di opere finanziate nell’ambito del cosiddetto ‘Sblocca Italia’. A scriverlo in una nota è Giovanni Cacciano, coordinatore del Pd Alto Sannio.
Già dallo scorso novembre, grazie al fattivo intervento del Sottosegretario alle Infrastrutture on. Umberto Del Basso De Caro e del Ministero alle Infrastrutture, – aggiunge Cacciano – la Fortorina è stata finalmente finanziata ed inserita in una legge nazionale la quale ha fissato al 31 agosto di quest’anno i termini per l’appalto dell’opera.
E’ utile precisare altresì, che solo poche settimane fa, grazie sempre all’impegno del Sottosegretario Del Basso De Caro, – prosegue nella nota – altri 103milioni di euro sono stati previsti dall’Anas per la galleria di ‘Casone Cocca’ e la prosecuzione verso San Bartolomeo in Galdo della stessa Fortorina. Un impegno costante – conclude Cacciano – che rispetto ai proclami del passato sta dando, con i fatti, risposte concrete ad ataviche vertenze di un territorio finalmente oggetto di una giusta e doverosa attenzione in un quadro infrastrutturale che fa del Fortore sempre più una cerniera strategica tra il Tirreno e l’Adriatico. Essenziale volano per lo sviluppo dell’intero Sannio.

Fonte: ntr24.tv

Leggi tutto...

Associazione Medici 118, appello ai Sindaci: servizio a rischio

Con la rimodulazione del servizio Emergenza 118 che s’intende realizzare nella ASL di Benevento è prevista una drastica riduzione di medici a bordo delle ambulanze del 118 (c.d. “demedicalizzazione”) che si traduce in una destrutturazione dell’Emergenza Territoriale con conseguenti effetti devastanti nelle prestazioni di soccorso sanitario per gravi patologie tempo-dipendenti. 

Attualmente sul territorio della ASL di Benevento sono distribuite dieci ambulanze con medico a bordo allocate nei presidi SAUT/PSAUT dei comuni di Benevento, Vitulano, San Giorgio, Airola, Limatola, San salvatore Telesino, Cerreto Sannita, San Bartolomeo in Galdo, Morcone. Se si dovesse realizzare il progetto di riorganizzazione, le ambulanze con medico a bordo si ridurrebbero da dieci a sei con conseguenti gravi ripercussioni sul delicato sistema del 118 che, in vaste aree della nostra provincia, non potrà più garantire l’assistenza medica negli otto-venti minuti previsti dalla legge.

Appare evidente che una tale organizzazione diminuisce la possibilità di effettuare interventi medici rapidi ed efficaci con conseguente aumento del rischio clinico dei pazienti e sovraffollamento dei Pronto Soccorso per mancata azione di filtro sul territorio. Il problema dell’organizzazione del 118 è particolarmente sentito nella ASL di Benevento dove in questi giorni si susseguono notizie su inefficienze organizzative che rischiano di aggravarsi anche per la mancata interlocuzione che sul 118 si sta verificando tra ASL e Parti Sociali.

Da qui l’appello ai Sindaci - cui spetta per legge il diritto di partecipare alla programmazione dell’ASL - di esercitare compiti di vigilanza sull’operato del Direttore Generale tenuto conto soprattutto che nella riunione dell’Assemblea della Conferenza dei Sindaci del 27 Febbraio scorso l’argomento sull’Emergenza 118 non è stato affrontato. Da qui l’invito a discuterne nella prossima assemblea, a tutela di una corretta erogazione delle prestazioni di Emergenza-Urgenza Territoriale che devono essere garantite con criteri di equità e uniformità anche nella nostra provincia.

Benevento 12 Marzo 2016 

Il Presidente
Dott. Vito Cassa

Fonte: ottopagine.it

Leggi tutto...

Amborchia, c'è l'accordo sui fondi Intanto rimosso il 'blocco' stradale

La vicenda Amborchia continua a tenere banco. Nel tavolo tecnico di ieri mattina si è raggiunto l'accordo. A finanziare i lavori per la messa in sicurezza della strada saranno la Provincia di Benevento, che darà un contributo di 3mila euro, la Comunità montana del Fortore 2mila euro e i Comuni di San Bartolomeo, Baselice e Foiano che si sono impegnati per un somma di 10mila euro da dividere in proporzione alla popolazione.
È quanto scrive sulla propria pagina Facebook il consigliere provinciale, Giuseppe Ruggiero. 
Mentre il Comune di Volturara avrebbe confermato l'impegno di 25mila euro “non appena la Regione Puglia stanzierà i fondi”. 
Intanto, dalla nota diramata questa mattina da Legambiente Fortore - di rinvio sine die dell'incontro pubblico informativo di sabato prossimo - si apprende che "il blocco stradale è stato rimosso". 

Fonte: Il blog di Antonio Bianco

Leggi tutto...

San Bartolomeo. La strada "Amborchia" aprira' in tempi brevi grazie anche alla solidarieta' di Volturara Appula

Su è tenuto questa mattina, a San Bartolomeo in Galdo, l'incontro pubblico informativo sulla problematica della Strada Galessa "Amborchia". All'incontro è stata invitata anche la "Consulta Popolare - Fortore Vivo".

Un Incontro delicato, ma giudicato fruttuoso dai partecipanti, i rappresentanti dei comuni di Baselice, Castelvetere, Montefalcone, Ginestra, Foiano, San Bartolomeo, Comunità Montana e Provincia per discutere e trovare una soluzione ad una questione vitale per queste popolazioni, già disagiate per la distanza con il capoluogo e prive di un presidio medico di pronto soccorso. Da San Bartolomeo, infatti, è da sempre più agevole spostarsi nella vicina Puglia per raggiungere Lucera - e quindi l'ospedale più vicino - in caso di emergenza. Ma la chiusura della strada "Amborchia", da parte del comune pugliese di Volturara Appula, ha tagliato completamente fuori queste popolazioni. Senza contare i problemi causati alle attività economiche o per i ragazzi delle scuole che si spostano a margine delle due province, Benevento e Foggia.

Leggi tutto...

Promemoria tavolo tecnico sull'Amborchia

La consulta popolare permanente “Fortore Vivo”

invitata al tavolo istituzionale del 1 marzo 2017 sulla problematica “Amborchia” relaziona quanto segue:
L’incontro è stato molto delicato, vista anche l’importanza della questione, a tratti teso, ma nello stesso tempo fruttuoso. I rappresentanti dei comuni di Volturara (FG), Baselice, San Bartolomeo in Galdo, Foiano, Montefalcone, Castelvetere, della Provincia di Benevento e della Comunità Montana hanno raggiunto un accordo per la messa in sicurezza immediata della piccola arteria stradale che ci collega al mondo. La somma stanziata è di 15000 euro, così suddivise, euro 3000 stanziate dalla Provincia di Benevento, 2000 dalla Comunità Montana, i restanti euro 10000, a carico dei paesi interessanti che contribuiranno in base alla popolazione. Effettuati i lavori, la strada “Galessa” riaprirà. Le parti si sono impegnate a favorire un protocollo d’intesa per una soluzione duratura, programmando un incontro istituzionale entro 60 gg. al quale verranno invitate anche le regioni Puglia e Campania oltre alle provincie interessate Foggia e Benevento.
Significativa la presenza della cittadinanza a margine dell’incontro di ieri, ciò denota l’importanza vitale di quella “leccata d’asfalto su una gobba” che ci rende meno isolati.

Fonte: Consulta Fortore Vivo

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
×

Resta connesso!

Ricevi per primo le notifiche dei nostri aggiornamenti.

Leggi le nostre Privacy Policy & Termini di Utilizzo
Puoi cancellarti in qualsiasi momento