Flash News
itsqenfifrdeganoruessvzu

Fortorina, la proposta unitaria dei sindaci

Firmata dai sindaci di Baselice, Foiano e San Bartolomeo in Galdo una proposta congiunta per la realizzazione del quarto lotto della strada denominata Fortorina. Un atto formale con il quale gli amministratori fortorini danno indicazioni sulle priorità da tener conto nella progettazione del tracciato che da San Marco dei Cavoti, passando per San Bartolomeo, collega il Sannio con Puglia e Molise alla Statale 17.
Tre i punti inseriti nella proposta formalizzata da Canonico, Maffeo e Agostinelli.

Il primo riguarda il collegamento San Bartolomeo in Galdo-Statale 17 attraverso un nuovo tracciato. Il secondo prevede un tunnel da Casone Cocca alla località Ponte Carboniera nel comune di Foiano e l'adeguamento della viabilità esistente per Baselice. Infine la realizzazione di un nuovo tracciato da Ponte Tre Luci a Ponte Sette Luci.
La proposta dei sindaci arriva all'indomani dell'incontro degli stessi con il sottosegretario Umberto Del Basso De Caro l’ingegnere dell'Anas Paolo Nardocci presso il Ministero delle Infrastrutture.
Nell'incontro, al quale ha partecipato anche il consigliere provinciale Giuseppe Ruggiero, gli amministratori hanno preso visione del progetto di massima. Progetto che può contare su 103,5 milioni di euro che saranno disponibili nelle casse dell'Anas dal 2018.

Parafrasando Galileo Galilei verrebbe da dire: eppur si muove.

Tra scetticismi (giustificati da 70 anni di promesse non mantenute), speranze e proposte di tracciati (social) alternativi la Fortorina muove un piccolo passo. Un passo simbolico che apre uno spiraglio per vedere (forse) realizzato un sogno che le popolazioni del Fortore hanno cullato fin dell'Unità d’Italia.

Oggi più che mai le possibilità che l’asse viario che toglierebbe il Fortore dallo storico isolamento possa essere realizzato sono concrete. Ma da qui in avanti diventa fondamentale, oltre alla volontà politica del governo centrale e dell’Anas, il ruolo degli amministratori locali. A loro spetta il compito di vigilare e promuovere tutte quelle azioni affinché il sogno diventi realtà.

Leonardo Bianco

Fonte: il blog di Antonio Bianco

San Bartolomeo in Galdo. Percepivano illecitamente dall’Inps indennità di disoccupazione e assegni familiari in favore degli operai ma trattenuti dalla ditta: denunciate 4 persone.

I Carabinieri della Stazione di San Bartolomeo in Galdo, a conclusione di una  complessa ed articolata attività di indagine,  in collaborazione con gli ispettori della direzione provinciale dell’INPS di Benevento,  hanno denunciato in stato di  libertà quattro persone ritenute responsabili di truffa aggravata ai danni per il conseguimento di erogazioni pubbliche da parte dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale.

Le indagini permettevano di scoprire che  i quattro in concorso, mediante false comunicazioni di assunzione per 20 operai edili da parte di una ditta di intestata ad una donna incensurata di San Bartolomeo, attiva presso la camera di commercio di Benevento ma di fatto inesistente, percepivano illecitamente da parte dell’INPS prestazioni previdenziali non spettanti (indennità di disoccupazione e assegni familiari) in favore degli operai ma trattenuti dalla ditta.

Fonte:reportweb.tv

San Bartolomeo in Galdo si avvia a diventare “Città dei Murales”

Il 2017 è stato un anno particolarmente significativo per il Liceo scientifico “E. Medi” di San Bartolomeo in Galdo. Tra le molte attività che si sono svolte e che sono in corso di realizzazione, merita particolare menzione il progetto di alternanza scuola-lavoro denominato “Tutto è matematica”, che vede coinvolte le classi quarte. La dirigente scolastica Maria Gaetana Ianzito, infatti, ha reperito i fondi per realizzare un ambizioso programma interdisciplinare, basato su lezioni sia teoriche che pratiche, coinvolgendo docenti interni all’Istituto ed esperti esterni.

“Tutto è matematica” prende forma partendo dalla massima di un matematico nostro conterraneo, Renato Cacioppoli, secondo cui la vita ha tre valori importanti: “La matematica, la musica e l’amore”. Dall’inizio dell’anno didattico corrente, infatti, la Professoressa Giuseppina Cirocco ed il Professore Antonio Russo hanno tenuto alcune lezioni che spaziavano dalle teorie matematiche tout court, all’ascolto delle canzoni dei Pink Floyd (soprattutto del celeberrimo “The Dark side of the Moon” poiché richiama gli studi newtoniani sulla luce). Il progetto approvato, finanziato e fortemente voluto dalla Dirigente Scolastica, ha inoltre evidenziato l’ energico nesso interdisciplinare con la parte teorica che ha coinvolto le Professoresse di Storia dell’arte Gabriella De Nigris e Cinzia Mottola ed il Professore di Storia e Filosofia Umberto Gugliotti.

Alla base del progetto, un protocollo di intesa, attivo già dal 2015, tra il Liceo scientifico e l’ARCI di San Bartolomeo in Galdo, nella persona del presidente Federico D’Andrea che, con la ormai nota “Brigada del Vientos” che ha realizzato i gli altri 5 murales già presenti in giro per il Paese, colori che raccontano storie epiche, i cui protagonisti erano spesso i “perdenti”, ma anche storie di riscatto, come quello rappresentato da questo ultimo murale, che si rifà alla cultura tout court, alla conoscenza e al sapere, che sono le armi del progresso.

Ricordiamo che il filone dei murales a San Bartolomeo parte dal ripristino, avvenuto in data 2010 ad opera della Brigata Vientos – Arci, del disegno risalente agli anni settanta fatto degli Intillimani, che raffigurava la ormai nota Marcia della fame, avvenuta negli anni ’50 e di cui, proprio quest’anno, ricorre il sessantesimo. Un grande lavoro, che ha visto la partecipazione, anche quest’ anno, al progetto di alternanza scuola-lavoro, del maestro muralista cileno “Mono” Carrasco per la realizzazione di un murales all’interno dell’edificio scolastico. Il progetto sarà inaugurato in località “Convento” sabato 17 giugno alle ore 18.30 alla presenza delle -autorità cittadine, e sarà il sesto murale che caratterizzerà il centro fortorino.

Saranno presenti lo storico Guido D’Agostino, Professore Ordinario della facoltà di giurisprudenza presso l’Università di Camerino e Presidente dell’Istituto Campano per la storia delle Resistenza (Napoli), ed il maestro Ugo Gregoretti, brillante regista da sempre sensibile alle problematiche del territorio del Fortore assieme al neo eletto Sindaco di San Bartolomeo Dott. Carmine Agostinelli. Concluderà i lavori il professore Antonio Russo, docente di matematica del Liceo “Medi”,  Dott.ssa Marisa Micco – Archivio di Stato di Benevento e autrice del progetto di ricerca documentale sulla “Marcia della Fame”.

Seguirà una esibizione musicale degli alunni dell’Istituto, a completamento delle esibizioni musicali cominciate lo scorso sabato con un concerto della cover band “Wallside” che ha suonato brani dei Pink Floyd.

Fonte: ntr24.tv

San Bartolomeo in Galdo: il vice Prefetto Lubrano Elogia l’operato del Comandante dei Carabinieri

Al comandante della stazione dei carabinieri di San Bartolomeo in Galdo l’elogio poichè in occasione delle copiose nevicate che hanno interessato nello scorso mese di gennaio il comprensorio montano del “Fortore” la riconosciuta ed apprezzata attività di prevenzione e vigilanza per un costante ed incisivo controllo del territorio.

In occasione della gestione dell’emergenza afferente le recenti avversità atmosferiche per copiose nevicate che hanno interessato nello scorso mese di gennaio il comprensorio montano del “Fortore” ed in particolare il territorio di questo Comune, già contrassegnato com’è noto da criticità sotto l’aspetto geo – morfologico e della viabilità, e presso il quale si è reso necessario l’istituzione, nel contesto della pianificazione degli interventi di protezione civile, del Centro Operativo Misto, ritengo esprimere il mio personale compiacimento e l’Elogio dell’amministrazione comunale per la profusa e sagace attività di prevenzione e soccorso disimpegnata dal Comandante della locale Compagnia Carabinieri unitamente ai propri militari dipendenti, nell’apprestare le prime operazioni di soccorso, in territori impervi e durante le forti nevicate. Nell’intento di raggiugere nella contingenza delle nevicate, con una mirata dislocazione di militari e mezzi le contrade ramificate sul territorio fortorino, caratterizzate da dissesti idrogeologici, per ridurre al minimo i disagi dei nuclei familiari, i quali a causa del protrarsi delle avverse condizioni meteo, sono rimaste isolate.

Nondimeno, mi pregio sottolineare, con l’occasione, la riconosciuta ed apprezzata attività di prevenzione e vigilanza per un costante ed incisivo controllo del territorio programmata dal summenzionato Comandante di Compagnia, anche nell’ottica della sicurezza partecipata ed integrata, e preordinata al contrasto delle violazioni al codice della strada, dei reati predatori, dello spaccio di sostanze stupefacenti ed in generale alla repressione dei reati connessi.

Fonte: infosannionews.it

Comunità montana del Fortore, riunione di giunta e incontro col sindaco di San Bartolomeo in Galdo

“Ci siamo riuniti in Giunta ed abbiamo conferito indirizzo affinché vengano predisposti nell’immediato i pagamenti relativi ad una annualità di fitto terreni e le indennità chilometriche per gli anni 2011 e 2012 agli operai. Subito dopo avverrà il pagamento delle giornate effettuate dagli operai nei mesi da gennaio ad aprile 2017”. A dichiararlo è Zaccaria Spina, presidente della Comunità Montana del Fortore, a margine della seduta della Giunta esecutiva tenutasi mercoledì 14 giugno. Seduta alla quale, unitamente al presidente Zaccaria Spina, hanno partecipato il vicepresidente Salvatore Brancaccio e l’assessore Marianna Paradiso.
“I pagamenti – afferma poi il presidente Spina – avverranno sempre ricorrendo ad anticipi di cassa. Abbiamo destinato risorse a queste finalità mettendo da parte altri tipi di attività”.
Ed aggiunge: “La Comunità Montana del Fortore a tutt’oggi vanta un credito dalla Regione Campania di circa un milione di euro relativo all’annualità 2016, mentre dell’anno 2017 dalla Regione non abbiamo incassato ancora niente”.
I lavori della Giunta esecutiva sono stati preceduti dall’incontro tra il presidente Zaccaria Spina, il vice Salvatore Brancaccio e l’assessore Marianna Paradiso con il nuovo sindaco di San Bartolomeo in Galdo, Carmine Agostinelli. Il neo primo cittadino Agostinelli ha riconfermato quanto detto in campagna elettorale, ovvero la volontà di lavorare per San Bartolomeo in Galdo e per l’intero comprensorio del Fortore.
Il presidente Spina ha rimarcato: “La situazione in cui ci troviamo non consente ulteriore dispendio di tempo, che a questo punto deve essere, obbligatoriamente e necessariamente, speso e dedicato tutto, in modo costruttivo, per salvaguardare ciò che resta del nostro territorio ed al contempo cercare di promuovere lo sviluppo di queste aree”. Il discorso sarà approfondito di qui a breve e con varie iniziative per il prossimo periodo. Tra i temi caldi: l’emergenza viabilità in primis.

Fonte: ntr24.tv

San Bartolomeo in Galdo: il sindaco è Agostinelli

Carmine Agostinelli è il nuovo sindaco di S. Bartolomeo in Galdo. Con uno scarto di circa 550 voti il figlio dell’ex sindaco Donato, ha avuto la meglio su Giovanni Buccione. Agostinelli con la sua lista S. Bartolomeo 2.0 si riparte, ha ottenuto 1767, contro i 1218 della lista Alleanza Popolare. Due compagini che si sono contesi una campagna elettorale a tratti al vetriolo anche se sembrava essere iniziata sotto il segno della concordia. Forse Buccione paga lo scotto di aver formato una lista di soli 9 candidati, lasciando un buon margine di vantaggio ad Agostinelli che invece è apparso sin da subito più organizzato. Una campagna elettorale che ha letteralmente spaccato in due l’elettorato tornato alle urne anzi tempo con il comune commissariato. Con la sua squadra di giovani alla prima esperienza politica ed ex amministratori, la lista S. Bartolomeo 2.0 ha improntato il suo confronto proponendo la svolta al modo tradizionale di amministrare, mettendo in primo piano informatica, formazione e professionalità con quel pizzico di esperienza che non guasta e che ha dimostrato di essere determinante in termini di vittoria elettorale, vedi il risultato del candidato Giovannino Pepe, con i suoi 393 voti e la sua esperienza di ex amministratore . L’umore che serpeggia è quello tipicamente del dopo elezioni, in paese si commenta il voto e molti risultati si sa, inaspettati, alimentano dubbi e stimolano la fantasia dei tanti oracoli del giorno prima tra i numerosi capannelli di piazza. Si possono intuire le fallite e possibili convergenze politiche, di chi ha perso, le nuove amicizie e nuove inimicizie, sodalizi che si rompono e rapporti che si intensificano. Oggi ci sarà la proclamazione del vincitore e la festa, iniziata già allo scoccare della mezzanotte tra domenica e lunedì sicuramente continuerà nei giorni a seguire. Carmine Agostinelli sarà il sindaco più giovane di S. Bartolomeo, quel paese situato sul crocevia di tre regioni Campania, Molise e Puglia, le cui influenze culturali hanno dato vita al un modus vivendi del tutto particolare e dove l’unica a resistere è la tradizione popolare che da secoli detta le sue regole.

Fonte: ilmattino.it

Benevento, potenziare la strada Fortorina per lo sviluppo delle aree interne

La strada Fortorina come possibilità di sviluppo economico e sociale delle zone interne. Ne hanno parlato nel corso di un convegno il sottosegretario al ministero delle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro, il sindaco di Molinara Giuseppe Addabbo, il presidente della Provincia di Bevento Claudio Ricci e Paolo Nardocci, progettista e responsabile del procedimento dell'Anas per la "Fortorina" e per il raddoppio della "Telesina".
Presenti anche moltissimi sindaci e  amministratori del comprensorio, tra cui il presidente della Comunità montana del Fortore Spina, il consigliere provinciale Ruggiero, il presidente della Confindustria di Benevento Filippo Liverini e il direttore dell'Ance Ferraro.
Il sindaco di Molinara, Giuseppe Addabbo, ha puntato l'indice contro "una viabilità che è un muro contro il quale tutti i giorni noi andiamo a sbattere". Il sindaco ha anche contestato la qualità del Psr della Regione Campania che "non offre soluzioni al problema del dissesto idrogeologico emerso in tutta la sua gravità con l'alluvione del 2015": secondo il primo cittadino Addobbo  "la Fortorina, la strada di collegamento veloce tra Benevento e San Bartolomeo in Galdo, segna il disastro della politica". 
Il sottosegretario Del Basso De Caro ha ricordato che "la Fortorina è costata sino a oggi circa 175 milioni di euro; altrettanto ne sono disponibili nello Sblocca Italia e nel Contratto di programma tra Anas e Stato deliberato dal Cipe. Per questo asse di penetrazione, che non serve solo a collegare Benevento a San Bartolomeo ma anche tre regioni come Puglia, Molise, Campania attraverso le aree interne". 
De Caro ha anche sottolineato che la presenza all'incontro di Confindustria e Ance ha significato che il mondo dell'imprenditoria guarda con favore a questi investimenti sul territorio, soprattutto come partecipazione delle imprese locali all'economia del territorio. "Oggi per arrivare a San Marco dei Cavoti ci vogliono 15 minuti da Benevento - ha rimarcato De Caro -  e questo è sotto gli occhi di tutti. Noi vogliamo arrivare in altrettanti pochi minuti fino a Lucera."

Fonte: repubblica.it

 
Sottoscrivi questo feed RSS
×

Resta connesso!

Ricevi per primo le notifiche dei nostri aggiornamenti.

Leggi le nostre Privacy Policy & Termini di Utilizzo
Puoi cancellarti in qualsiasi momento