itsqenfifrdeganoruessvzu

Che fine ha fatto il premio Rocky Marciano? In evidenza

Che fine ha fatto il premio Rocky Marciano?

Che fine ha fatto il premio Rocky Marciano?

 a cura di Paolo Angelo Furbesco

Il 26 giugno 2015, il giornalista Leonardo Bianco chiedeva attraverso il suo blog  notizie del premio Rocky Marciano, di cui si erano perse le tracce dall’ultima edizione dell’agosto 2012. Sono passati anni, ma ancora tutto tace…

                                 «Trenta dollari e si parte»

Era questo lo slogan dei procacciatori di emigranti che,  a partire dagli ultimi decenni dell’Ottocento, battevano le campagne alla ricerca di povera gente, in fuga dalla fame, con il sogno di trovare un’altra vita nel Nuovo Mondo (America del Sud, prima, quella del Nord successivamente).
A partire era, soprattutto, gente del Sud: contadini, artigiani, operai che non avevano altro da offrire se non la propria capacità di lavoro, la propria inventiva, la propria voglia di emergere; gente costretta a emigrare verso terre assaje luntane (per usare le parole di una famosa canzone napoletana, ndr), in cerca di quella fortuna che in patria, ostinatamente, si nascondeva o si negava.   
Le cause determinanti dell’esodo erano la miseria, la mancanza o la scarsezza del raccolto, il caro dei viveri, la gravezza dell’imposta fondiaria, il desiderio di non perdere tre anni per il servizio militare. Emigrarono – in ordine decrescente, a consultare i numeri di quella grande migrazione  – terraioli, contadini, braccianti, muratori, scalpellini, facchini, artigiani, domestici. Le loro destinazioni: gli Stati Uniti d’America, l’Argentina, il Canada, il Venezuela, gli altri Paesi europei. La fame è fame, come si usa dire, e così la corsa all’imbarco fu affannosa: c’era chi vendeva quel poco che possedeva, chi contraeva debiti, perfino chi rubava per riuscire, loro malgrado, a ingrossare le file dei venditori di braccia all’estero.
In provincia di Benevento, nel Circondario di San Bartolomeo in Galdo (che comprendeva anche i mandamenti di Baselice, Castelfranco, Colle, Santa Croce di Morcone e San Giorgio la Molare, ndr), l’emigrazione media annua nel decennio 1905-1914 fu di 1.651 partenze, per un totale generale, quindi, di 16.510 (fonte:    M.A.I.C. Direzione Statistica Roma).
L’affannosa corsa, seppur con un lieve rallentamento, durò anche negli anni successivi: dal mitico molo Beverello di Napoli, per tanti e tanti anni ancora, continuavano a partire “e bastimente pe’terre assaje luntane”, i «bastimenti della speranza». In uno di questi, si imbarcarono anche i genitori del grande pugile Rocky Marciano, nato a Brockton, nel Massachusetts, nel 1923: il padre Quirino Marchegiano, originario  di Ripa Teatina, provincia di Chieti, classe 1912, e la madre Maria Pasqualina Picciuto, nata a San Bartolomeo in Galdo nel 1916.
Nota Bene. Chi scrive ha  un  vivido ricordo di quei tempi: «Io c’ero», potrei affermare… Avevo 18 anni e a volte con gli amici giravamo in piazza Garibaldi,  scrupolosamente  in senso antiorario,  intorno  ʻu gigljë, come dicevano gli anziani, (anche se la fûntänë  non c’era più), con enormi cappelli in testa  e vistosissime mantelle  nere.  Vicino alla  rampa che conduceva al bar Grotta Azzurra di Amedeo alias Zuppera –  da poco rientrato dal Venezuela –  c’era  un negozio con una grossa targa azzurra su fondo bianco con la scritta Flotta Lauro, i nuovi bastimenti che da Napoli, sempre dal Molo Beverello, partivano per le Americhe,  stracarichi di emigranti. C’era  sempre  fila davanti a questa sorta di agenzia viaggi gestita da Antonio Lupo – û märësciàllë, come recitava il suo soprannome – e  successivamente da Gustavo Bibbò: i tanti  emigranti sanbartolomeani erano diretti, a bordo della mitica Surriente, quasi tutti verso il Venezuela, il  nuovo Eldorado, la ricca terra promessa.
Tutto  questo accadeva nel 1955. Prima della  guerra mondiale, invece,  negli anni Trenta e Quaranta,  al civico 63 di corso Roma c’era  un banco lotto, con annesso un ufficio viaggi gestito dalla famiglia  Agostinelli, anche  questo era molto gettonato.  In
questo caso, ovviamente, non posso dire «Io c’ero»: sono informazioni che ho recepito da amici più che novantenni!

                          Ma lasciamo i ricordi e torniamo al nostro premio
Nel nome del grande pugile  Rocky Marciano, il 22 agosto 2010 venne suggellato il patto di gemellaggio tra il Comune di San Bartolomeo in Galdo  e quello di Ripa Teatina, in provincia di Chieti, i due paesi che – come  già detto – diedero i natali ai genitori del celebre  campione mondiale dei pesi massimi.
Al gemellaggio fece seguito  la prima edizione del “Premio  Rocky Marciano all’Emigrante Fortorino”, a mio modo di vedere il vero fiore all’occhiello dell’Amministrazione Sangregorio. In quell’occasione, il premio alla memoria di  Maria Pasqualina Picciuto, madre del pugile,  venne ritirato dal signor Fedele Scocca, cugino del campione.                             
L’iniziativa rientrava all’interno del progetto Sanbartolomeani nel mondo, che  prevedeva l’assegnazione di un  riconoscimento a quegli uomini e a quelle donne che,
lontano dal loro paese d’origine, avevano avuto successo nelle l’attività svolte nel proprio settore di appartenenza. Scriveva la Commissione Cultura: «Lo scopo di premiare gli emigranti sanbartolomeani sparsi per il mondo, era  quello di riallacciare i rapporti con essi, per far sentire loro la vicinanza del loro Comune di origine, con la speranza, magari, che un giorno non lontano, si creassero le condizioni per un loro definitivo ritorno all’amato paese».
Il premio “Rocky Marciano” era destinato «alle figure di emigranti o discendenti di emigranti distintisi per meriti nel campo economico, culturale, scientifico, sportivo o dell’impegno sociale»; l’allora assessore alla Cultura, Gianpaolo Fiorilli,  dichiarava: «Questa manifestazione ha l’ambizioso obiettivo di diventare nel tempo la punta di diamante delle iniziative culturali e il privilegiato incontro tra tanti sanbartolomeani vicini e lontani. Un evento che ha l’ambizioso obiettivo di riunire intorno ad un’unica madre –il proprio territorio e le proprie radici – i tanti sanbartolomeani sparsi per il mondo, che in passato hanno dovuto, loro o i loro genitori,  lasciare, non senza sofferenze, la propria terra in cerca di migliori occasioni per esprimere le proprie potenzialità; o per lasciarsi alle spalle povertà ed emarginazione. L’ambizioso obiettivo di riportare a San Bartolomeo, anche solo per un piccolo periodo, tanti sanbartolomeani che oggi si sentono lontani non solo fisicamente dal loro paese d’origine. L’ambizioso  obiettivo di ottenere da un proficuo scambio culturale, un contributo in termini di idee per la crescita socio-economica di San Bartolomeo in Galdo. Siamo convinti che la rinascita di un territorio, il suo sviluppo e il suo progresso passi anche e soprattutto attraverso la cultura e la socializzazione; attraverso l’apertura, lo scambio culturale e il confronto; attraverso l’apporto di idee dei cittadini, ma anche di chi vive lontano e può guardare con uno sguardo distaccato il proprio paese di origine, forte anche delle esperienze maturate lontano da casa. Ci auguriamo dunque che queste esperienze possano essere messe a disposizione anche di San Bartolomeo».
Per la cronaca, riporto un breve resoconto delle altre due  edizioni.
Edizione 2011 – La manifestazione si svolse  il  13 agosto in piazza Umberto Iº. Per la sezione “Actual”, il premio venne ritirato da  Aldo Curiale, imprenditore newyorchese;  alla famiglia del cardiologo Antonio Pacifico, scomparso pochi anni prima  in un incidente aereo, viene consegnato il premio della sezione “Memorial”; il premio “Cultura” va al  maestro di musica Raffaele Passaro; al giornalista Anacleto Lupo viene   assegnato  il premio alla “Carriera”,  ritirato dal professore Carlo Spallone; il premio allo “Sport”  è per  Gregorio Pacifico. Alla cerimonia partecipa anche il giornalista e scrittore Pino Aprile, al quale viene assegnato la cittadinanza onoraria.
Edizione 2012 – L’evento si svolge il  18  agosto in piazza Municipio, alla presenza di Vincenzo Sangregorio e Ignazio Rucci, sindaci di San Bartolomeo in Galdo e di Ripa Teatina, e con la partecipazione straordinaria  del pugile Rocky Mattioli, ex campione del mondo dei pesi massimi. Il premio “Actual” va a  Sergio Sgambato; il premio “Memorial”, a padre Egidio Circelli, viene  ritirato dalla signora Giovannina Circelli;il premio “Sport” se lo aggiudica Paolo Buccione; il premio per la sezione “Giornalismo” è assegnato a Guido Furbesco, giornalista (mio figlio).

                                Le lunghe estate calde dal 1964 al 2017

Settembre 2017, amara terra mia, amaro ritorno a Milano. È tempo di migrare, ancora una volta. Dal 1964 a oggi  sono cinquantatre anni  consecutivi che una persona ha la  fortuna di trascorrere il mese di agosto a “Sbig”. Un  bel  record! Ebbene sì, lo confesso, questo primato appartiene a me, e di tutto questo –  ancora una volta – debbo  ringraziare il mio buon Angelo custode. 
L’anno scorso – come ricordate  – il Comune era gestito da un Commissario prefettizio, per cui la tradizionale  festa dei Patroni del paese, san Bartolomeo apostolo e beato Giovanni eremita da Tufara,  non si svolse.
Quest’anno, grazie alla nuova Amministrazione, i festeggiamenti  sono ripresi alla grande; il merito va anche, anzi soprattutto ai compaesani  che hanno risposto con entusiasmo e generosità alla sottoscrizione a premi organizzata dal comitato feste. 
L’estate sanbartolomeana  è  iniziata il 6 agosto e si è protratta sino al 26, giornata finale con il concerto dei   Gemelli Diversi e con la classica chiusura dello spettacolo pirotecnico.
Grande la  partecipazione del pubblico ai tanti eventi e alle tante  serate organizzate in queste settimane di festa: dalla notte di Ferragosto dedicata ai sapori e ai cibi del territorio del 14 alla Sagra del vitello del 16;  dal  Color Party del 18 alla proiezione di fotografie nella Chiesa dell’Annunziata del 19; dalle danze sportive del 22 alla  z’mònëchë ca cämmìscë del 23,  dal torneo a scacchi  al gran concerto bandistico Città di Ailano, entrambi  il 24 in piazza Garibaldi; dal  convegno per il 60º anniversario della Marcia della fame, il 25,  alla 9ª rassegna del folklore, lo stesso giorno in via  Pasquale Circelli.
Molto interessante, a mio modo di vedere, e stata la Mostra Permanente Wood Brother Guitar Sister, allestita in corso Roma,19 dove troneggiava, tra le altre cose, il mitico Jukebox degli assi 60 del Bar Grotta Azzurra. Fuori programma, la retrospettiva dei pittori locali Pasquale Mossuto ed Antonio Vinciguerra, tenutasi presso il circolo culturale Giovannino (Gianni) Vergineo, lo spettacolo teatrale L’asso della Monnezza di Ulderico Pesce (con  scopo raccolta firme per petizione della punibilità del reato contro l’ambiente, ndr), organizzato dalla locale Lega ambiente in Piazza Mercato. Poi: una serata dedicata alla poesia, una mostra permanente di fotografie, visite guidate per il centro storico, altre manifestazioni,  chi più ne ha più ne metta … Per finire il 27 agosto con la magnifica serata della Cena in Bianco, organizzata dalla locale Pro Loco, sotto la regia di Anna Maria Colatruglio, Antonietta Circelli, Enza Cerro, Daniela Circelli e Pasquale Monaco. Tanti eventi che hanno reso speciale l’estate sanbartolomeana 2017. Perché, allora, sono tornato a Milano con l’amaro in bocca? La risposta è semplice: chi ha a cuore la cultura e la fama di San Bartolomeo aspetta con ansia il ripristino del premio Rocky Marciano, purtroppo assente dal cartellone estivo da più di cinque anni.
Signor  sindaco Carmine Agostinelli una sola domanda: Quando avremo l’onore che questo sogno si trasformi in realtà? Riusciremo,  questa volta  a smuovere le acque?  Dipende tutto da voi,  cari cittadini di San Bartolomeo in Galdo, in particolare modo mi rivolgo a  quei 1.767 elettori che, lo scorso 11 giugno,  hanno permesso l’elezione diretta del nuovo primo cittadino.  Da parte mia, l’impegno affinché questo sogno si realizzi non mancherà.
Un caro  pensiero, infine, ai 2.892 sanbartolomeani sparsi per il mondo iscritti all’AIRE, l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero.  Non  potendo trascrivere i loro nomi, riporto l’elenco dei Paesi ove risiedono: sono 29, davvero tanti. (Un sincero ringraziamento all’impiegato comunale Salvatore Pacifico per l’aiuto prestatomi).
1 Venezuela 676, 2 Svizzera 626, 3 Argentina 387, 4 Canada 298, 5 Germania 296, 6 Stati Uniti d’America 139, 7 Regno Unito 83, 8 Brasile 82, 9 Sud Africa 75, 10 Spagna 55, 11 Australia 39, 12 Belgio 32, 13 Panama 32, 14 Francia 28, 15 Uruguay 19, 16 Messico 6, 17 Grecia 3, 18 Islanda 3, 19 Paesi Bassi 2, 20 Perù 2,  21 Austria 1, 22 Cile 1, 23 Emirati Arabi Uniti 1, 24 Lussemburgo 1, 25  Norvegia 1, 26  Polonia 1, 27  Portogallo 1, 28 Romania 1, 29 Repubblica Dominicana 1.
                                                          
Nota Bene Tra i  nove sanbartolomeani che vivono in Paesi stranieri senza altri compaesani, quattro (per la precisazione in Cile, Emirati Arabi Uniti, Polonia e Repubblica Dominicana) sono donne: chiudo questo mio intervento con l’augurio che almeno una di queste, per spirito di galanteria, venga invitata alla prossima – sperando che ci sia … –  IV edizione del Premio Marciano.
Ad meliora et maiora semper! – Watanka –   

  Paolo Angelo Furbesco
  Milano, settembre 2017

Ultima modifica ilVenerdì, 06 Ottobre 2017 22:34
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto
×

Resta connesso!

Ricevi per primo le notifiche dei nostri aggiornamenti.

Leggi le nostre Privacy Policy & Termini di Utilizzo
Puoi cancellarti in qualsiasi momento