Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

San Bartolomeo in Galdo, iniziativa di un gruppo di genitori

Voglia di volontariato a San Bartolomeo in Galdo: è quanto viene da pensare per la considerazione del proliferare in loco delle Associazioni, in maggior parte costituite da persone giovani e meno giovani, animate da sentimenti di solidarietà e di umanità cristiana. Aveva cominciato l’associazione Fraternita della Misericordia, la cui attività, inizialmente limitata all’accompagnamento dei malati negli ospedali, ha poi esteso il suo campo d’azione nell’aiuto ai bambini della Bielorussia e negli interventi a favore delle popolazioni terremotate e alluvionate. Altri gruppi che da alcuni anni hanno fatto proseliti, e la cui operatività appare visibile nel settore degli aiuti umanitari, sono quelli che fanno capo all’Azione Cattolica, alla Gioventù Francescana e all’Unitalsi: nei gruppi tanti giovani che lavorano a turno, fianco a fianco con i parroci, e che offrono la loro disponibilità per andare incontro alle esigenze di persone indigenti, di anziani soli, di disabili. La banda musicale È degli ultimi anni infine la costituzione di un’associazione di volontariato, denominata ”Iris”, che ha avuto anche il riconoscimento Onlus. Ne fanno parte parecchi genitori, alcuni dei quali docenti, intenzionati a dare all’associazione la caratteristica di centro di ascolto per giovani, con il preciso intento di dare agli stessi l’opportunità di stare insieme, di relazionarsi, di intercomunicare, creando così un antidoto ad eventuali fenomeni di disagio e di devianza. La presidente, insegnante Concetta Accetturo, è attualmente alle prese con la realizzazione del progetto ”banda musicale”, una inizativa intesa a dar vita anche a S.Bartolomeo in Galdo ad un complesso bandistico. Avviato pertanto un corso con lezioni musicali teoriche e pratiche, con gli allievi suddivisi in tre classi, sassofono, clarinetto e flauto traverso, affidati rispettivamente alle maestre Susanna Pacifico, e Daniela Circelli e al maestro Matteo Sabatino. Una ventina i ragazzi e i giovani che ogni sabato, dalle ore 15,30 alle ore 19,30, presso i locali dell’ex ospizio per anziani, messi a disposizione dal Comune, seguono le lezioni, utilizzando strumenti comprati in proprio. In atto presso la sede dell’Associazione in Via Costa, ex Pretura, anche un corso teorico pratico di cucina, della cui gestione si interessa lo chef locale Salvatore Ricci, e un altro corso di educazione alla salute, della cui direzione è incaricata la dottoressa Franca Pepe.