Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

C’è l’intera Valle del Fortore che attende da 35 anni il suo ospedale, quello di San Bartolomeo in Galdo. Un record nel panorama delle opere incompiute.

Ogni tanto si parla di un nuovo progetto, ma intanto ammalati e feriti devono essere trasportati a Benevento (un’ora e mezza di viaggio) o, soluzione più veloce, nei nosocomi della Puglia (Lucera e Foggia) o del Molise (Campobasso e Isernia). Proprio queste direzioni di marcia da una decina di giorni sono impedite a seguito della chiusura della galleria che si attraversa per poter raggiungere la sponda delle due regioni limitrofe. L’indispensabile tunnel venne chiuso al traffico a causa dell’incendio di un camion che aveva causato gravi danni all’impianto elettrico, al manto d’asfalto e ad alcuni tratti della volta. Il sindaco di San Bartolomeo in Galdo, Donato Agostinelli, anche in qualità di presidente del Consiglio provinciale di Benevento, ha sollecitato l’Anas pugliese affinché si eseguissero con celerità i lavori per riaprire la galleria che collega il Fortore con la Puglia. Viene richiamata la necessità di avere a disposizione un’arteria praticabile epr le emergenze sanitarie. Da quando la galleria è stata chiusa i disagi per chi deve recarsi in Puglia sono notevoli, a causa del lungo e difficoltoso tragitto alternativo costituito da una strada di montagna ormai poco trafficata. Da qualche giorno e dopo il continuo interessamento personale del sindaco, i lavori per ricostruire l’impianto elettrico e di illuminazione stanno ormai per essere terminati e pare che la galleria potrebbe essere riaperta al traffico ma solo in via temporanea per favorire il traffico di Ferragosto che in questo tratto di strada sarà, come ogni anno, molto intenso. San Bartolomeo e il Fortore sono collegati alle vicine Puglia e Molise attraverso un tratto di strada detta Amborchia che si immette direttamente sulla statale 17 Foggia-Campobasso. L’amministrazione comunale ha già deciso un intervento di ripristino della strada che a causa di alcune vecchie frane rischiava di essere inutilizzata. Altro adempimento amministrativo di Agostinelli e compagni è l’istituzione di un senso unico all’interno del centro del paese per far defluire meglio il traffico urbano lungo via Margherita, via M. Josè e via Valfortore. Un adempimento che per il momento pare sia sperimentale e che ha già generato tre fronti di opinioni: i favorevoli, i contrari e quelli che non si esprimono in merito.

di C.A. da “Il Mattino”