Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

Il Molise esiste, eccome. Se qualcuno ha ancora il dubbio, può sempre andare a toccare con mano la realtà. I più temerari, chissà, potranno pensare addirittura di trasferirsi, visto che la regione ha pubblicato da poco un bando che offre 700 euro al mese a chi decide di spostare la propria residenza qui, in particolare nei Comuni sotto i 2.000 abitanti. In pratica, la stragrande maggioranza di quelli presenti nella regione: 106 su un totale di 131. L’iniziativa è stata battezzata Reddito di Residenza Attiva. Il contributo sarà concesso a chi intende aprire un’attività imprenditoriale per rilanciare l’economia di questi luoghi. I nuovi cittadini potranno ricevere fino a 24.000 euro in 3 anni, dal 2019 al 2021, suddivisi in rate da 8.000 euro per ogni anno.

Boom di richieste dall’estero

La richiesta di partecipazione può essere presentata dai cittadini italiani, comunitari o in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo. Il bando con tutte le informazioni per partecipare doveva uscire il 16 settembre, ma la data è stata prorogata perché, curiosamente, l’amministrazione è stata al lavoro per ultimare la versione in inglese.

Sono arrivate migliaia di richieste di informazioni in inglese, in spagnolo e in portoghese”, spiega entusiasta Antonio Tedeschi, il consigliere regionale promotore dell’iniziativa.

Un successo inaspettato, che ha spinto ad attivare perfino un centralino in lingua inglese per rispondere alle domande degli interessati. Le richieste sono arrivate anche dal Brasile. Pare, infatti, che il consolato di San Paolo sia stato tempestato da e-mail per sapere come accedere al contributo.

Un mio amico che lavora lì – racconta il consigliere Tedeschi – mi ha detto che la casella postale è andata in tilt”.

Le richieste di informazioni, comunque, non arrivano solo dall’estero, ma anche dall’Italia. A inviarle sono gli imprenditori che hanno saputo della notizia e ora desiderano spostare la propria attività in Molise, attratti dalla proposta economica.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..