Puoi leggerlo in circa 3 minuti :::

Gennaio – Giugno 2019: la Valfortore resiste

Premessa: l’Italia nei primi sei mesi del 2019 ha perso 96845 abitanti, una città come Pesaro o Ancona. Torino perde 1190 abitanti, Foggia ne perde 617 e Benevento 213.

In una situazione generale disastrosa la Valfortore non fa eccezione.

In questi primi 6 mesi San Bartolomeo in Galdo perde 24 abitanti, non sono pochi, ma visto come era iniziato l’anno, un -30 con 0 nascite nei primi due mesi, possiamo affermare che i mesi da marzo a giugno sono andati benino. Al 30 giugno San Bartolomeo conta 4620 abitanti, possiamo ancora rispondere a chi ce lo chiede che totalizziamo 4600 abitanti, a fine anno scenderemo quasi sicuramente (magari sbagliassi le previsioni) sotto i 4600 e veleggeremo verso i 4500.

Vi sono state 12 nascite e 25 decessi, 38 iscritti e 49 cancellati nei registri anagrafici.

Segnali non drammatici arrivano anche da Baselice. Il paese resiste a 2257 abitanti, perdendo solo 9 abitanti dall’inizio dell’anno; si registrano 8 nascite e purtroppo 26 decessi.

Gli iscritti all’anagrafe sono 29, le cancellazioni 20. Poco, ma le nascite non fanno perdere la speranza.

Castelvetere in Valfortore perde 25 abitanti ed arriva a 1105. Il dramma è registrato nella casella delle nascite. Un solo nato a fronte di 13 decessi. Coloro che arrivano sono solo 2, le cancellazioni ben 15.

Foiano dopo aver resistito degnamente in questi anni, accusa un passaggio a vuoto. Perde ben 24 abitanti nei primi sei mesi del 2019, scendendo sotto i 1400 abitanti, 1380.

Le nascite sono state 4, i decessi ben 18, come le 18 cancellazioni dai registri anagrafici a fronte dei solo 8 iscritti.

Il prossimo anno a Foiano si voterà per le comunali, e con la consueta politica dei cambi di residenza vedremo nuovamente fluttuare la sua popolazione, per ora, il 2019 non è stato fausto con i nostri vicini.

Notizie positive non vengono nemmeno da Molinara. Il paese perde 10 abitanti facendo registrare un 1577. Le nascite sono solo 4 e le morti 11. Gli iscritti nei registri anagrafici sono stati 13, le cancellazioni 16.

A leggere i dati, la situazione di Montefalcone lascia ben poco alla speranza. Il paese perde 12 abitanti fermandosi a 1417. Ma ciò che preclude ogni immagine di futuro è lo 0 nella casella delle nascite. Nei primi sei mesi dell’anno, la cicogna sembra essersi dimenticato di Montefalcone, la morte invece bussa con regolarità alle porte cittadine, 2 decessi mensili per un totale di 12 decessi. Iscritti 11 e cancellati 12, si equiparano.

San Marco dei Cavoti perde ben 24 abitanti, attestandosi poco sopra i 3200, 3201. Considero però, i primi sei mesi dell’anno positivi per San Marco, il paese registra ben 11 nascite, purtroppo i decessi sono stati 28. Gli iscritti ben 21, ma le cancellazioni dai registri anagrafici 29.

Se Sparta piange, Atene non ride.

Il versante pugliese del nostro appennino, non se la passa meglio.

Alberona, ormai scesa sotto 1000 abitanti, fa registrare un meno 11, e si attesta su 914 abitanti. Vi è stata una sola nascita in sei mesi e 13 decessi.

Gli iscritti nei registri anagrafici 13, i cancellati 12, facendo registrare un saldo positivo di +1.

Anche Biccari perde 20 abitanti in questi primi sei mesi. Purtroppo non c’è Mignogna che tenga. Le innumerevoli iniziative del sindaco resiliente del borgo dauno, frenano lo spopolamento, ma se non accompagnate da una politica nazionale che sia attenta alle necessità dei piccoli borghi, non invertirà mai la tendenza.

Sebbene vi sia un meno 20, Biccari può comunque essere soddisfatto di questi primi mesi. Le nascite sono ben 12, pari a San Bartolomeo che però vanta quasi 2000 abitanti in più, i decessi sono stati 23. Molto fermento tra le cancellazioni 39 e gli iscritti 30 nei registri anagrafici.

San Marco la Catola perde 25 abitanti fermandosi sopra la soglia dei 900 abitanti, 938, ma con questo andazzo forse scenderà sotto i 900 a fine anno.

Tuttavia fa registrare 3 nascite, a fronte di 10 decessi. Quasi nessuno arriva in paese, gli iscritti sono 2, mentre molti se ne vanno, le cancellazioni sono 20.

Volturara resiste strenuamente sopra i 400 abitanti. Anzi fa registrare un +2 da inizio anno attestandosi a 410. Come Montefalcone, anche di questo paese la cicogna ha dimenticato l’esistenza. 0 nascite e 10 decessi, ma vi sono 17 iscritti a fronte di 6 cancellazioni.

Perde solo 5 abitanti Volturino, 1679, 5 nascite e 7 decessi. 13 iscritti e 16 cancellazioni. Il paese del vento resiste come può.

Nell’anno giubilare di San Giovanni, Tufara il paese natale del Santo, cancella lo 0 nella casella delle nascite, registrando un 1 poco più che simbolico. Tranquillamente e placidamente il paese perde 5 abitanti frutto di una nascita e 9 decessi, 15 iscrizioni e 12 cancellazioni.

I primi sei mesi non sono stai positivi, mantengono però, vivi alcuni segnali di speranza.