Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

La suorina dagli occhi sorridenti e vivaci, l’aria giovanile e il profumo di mughetti, compie 104 anni. Suor Edvige vive a San Bartolomeo in Galdo, all’Istituto del Calvario.

Suor Edvige è religiosa delle Suore della Carità di Santa Giovanna Antida da Touret dal 1921, impegnata in passato in attività quali maestra di ricamo e cucito, educatrice dei bambini, madre superiora, ha visitato gli ammalati, ha rincuorato i bisognosi, ha annunciato la buona novella di Gesù, ha portato l’amore ovunque, quell’amore che, come dice lei, ‘…cambia ogni cosa’. Chi credesse che a 104 anni suor Edvige viva il crepuscolo della sua esistenza nel riposo e nella contemplazione, non crederebbe alle proprie orecchie se la sentisse descrivere la sua giornata. Si sveglia all’aurora e inizia con le lodi al Signore, poi mette ordine in casa e scende una scalinata che la porta in Chiesa dove partecipa attivamente alla Santa Messa e ogni mattina riceve Gesù Eucaristico. Per suor Edvige è molto importante come dice lei “trovarsi a mensa davanti a un buon piatto di minestra fumante, perché è buffo e commovente insieme, i taciturni diventano espansivi e tutti vanno d’accordo, ecco perché Gesù le cose più belle le ha fatte a tavola”. Apparecchia la mensa, asciuga le posate, riassetta, un po’ di aria in giardino. È golosissima di dolci. A dormire non molto tardi dice lei “la mente e il corpo hanno bisogno del giusto riposo”.