Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

Alla notizia che tonnellate di rifiuti derivanti dalla lavorazionre del Cdr di Casalduni, sarebbero stati dirottati a S.Bartolomeo, c’è stata una vera e propria mobilitazionre dei cittadini. In migliaia sono scesi in piazza per protestare contro una ulteriore e penalizzante decisione presa dal neo Commissario straordinario per l’emergenza rifiuti dott. Catenacci, che aveva indiduato la discarica di S.Bartolomeo quale sito per l’accumulo di Eco balle. La gente ha deciso di protestare contro l’ulteriore scempio che si andrebbe a consumare ai danni della popolazione di S.Bartolomeo che ha già dovuto accettare supinamente la grande discarica che avrebbe dovuto mitigare in parte l’energenza rifiuti della Campania.
“Avevamo chiesto l’ospedale e la strada, invece ci hanno dato la grande discarica di Serra Pastore”.
Si vuole fare di S.Bartolomeo la pattumiera della Regione Campania: Impediscilo”.
Questi sono alcuni degli slogan che da questa mattina appaiono numerosi su ogni muro di San Bartolomeo. Intanto sempre per questa mattina era previsto un vertice a Napoli tra il Commissario Catenacci, quello del comune di S.Bartolomeo, Boniello ed il presidente della provincia di Benevento Nardone, per fare il punto della situazione e valutare la questione di S.Bartolomeo. Per il momento, ed in attesa dell’esito del vertice di Napoli, la popolazione di S.Bartolomeo presiede in maniera pacifica la stanza del sindaco presso il comune stesso.

di Celestino Agostinelli