Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

Su domanda dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente Mario Vetrone di Benevento

Su domanda dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente Mario Vetrone di Benevento, con sede staccata in Contrada Setteluci di San Bartolomeo in Galdo, è stato concesso un finanziamento per interventi relativi alla prevenzione scolastica e formativa da parte della Regione Campania. Si tratta del fondo P.O.R., Misura 3.6, come da Decreto Dirigenziale n.9 del 12 gennaio 2004. Il contributo viene concesso dietro presentazione di un progetto. Il dott. Boniello, commissario prefettizio al Comune di San Bartolomeo in Galdo, pertanto, ha ritenuto di varare sia il progetto sia lo schema di convenzione, autorizzando la costituzione di un’Associazione Temporanea di Scopo per la realizzazione degli interventi già menzionati. Inoltre, ha autorizzato il Dirigente dell’Ufficio tecnico comunale a costituirsi nel relativo rogito notarile per l’istituzione, appunto, dell’A.T.S.. L’Associazione riguarda, oltre il Comune e l’I.P.S.A.A., anche la Comunità Montana del Fortore. L’Istituto, che ha come dirigente scolastico da tanti anni il prof. Antonio Cristoforo, fu istituito con D.P.R. del giugno 1960. Gli alunni che frequentano la scuola appartengono ai paesi limitrofi del Fortore, dispongono di spaziose aule, laboratori scientifici, serre ed un campetto di calcetto. L’Istituto, circondato dal verde, è all’avanguardia per l’introduzione di metodologie e tecniche d’insegnamento. Esso prepara dirigenti di aziende, e tanti proseguono gli studi presso le varie Università. La Scuola ogni anno indice anche convegni durante la Mostra dei prodotti tipici locali. Lo scorso anno, la Fiera aveva per titolo “Prodotti di nicchia della Valfortore: quale futuro”. Durante il convegno, si parlò delle notevoli possibilità del paesaggio, degli usi, dei costumi, delle tradizioni e delle qualità gastronomiche, che hanno fatto la storia e la cultura della collettività fortorina.

di Benedetto Canfora da “Il Sannio Quotidiano”