Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

ImageIl ministro Mastella incontra gli amministratori locali

Un incontro non programmato, senza toni istituzionali quello tenutosi tra l'amministrazione comunale del sindaco Donato Agostinelli e il ministro di Grazia e Giustizia, Clemente Mastella. «Mi ha fatto piacere stare con un gruppo di amici e aver avuto l'opportunità di dialogare su problemi atavici e importanti» ha affermato proprio il Guardasigilli.

 

«Alcune sofferenze, manifestate legittimamente – ha aggiunto – le faccio mie, però, i tempi sono quelli che sono, e non potrò eliminarle tutte. Uno si aspetta l'approdo, dopo molte battaglie comuni, che stenta ad arrivare e i problemi restano, nonostante l'impegno per sanare la frattura storica tra Tirreno ed Adriatico». Sul tappeto, dunque, i problemi di sempre: viabilità e ospedale. Anche il consigliere regionale, Fernando Errico, ha dovuto offrire chiarimenti sul ritardo per il raggiungimento di alcuni traguardi. «Siamo in dirittura di arrivo circa il completamento dell'ospedale grazie all'espletamento della gara per l'adeguamento di alcune parti strutturali, prevista per marzo. Faremo in modo che si rispetti il piano ospedaliero per garantire la stabilizzazione dell'ammalato in loco con relativo trasferimento in strutture più adeguate. E per questo a giorni si darà inizio ai lavori di costruzione dell'eliporto». Problemi di sempre che hanno suscitato anche malumore tra alcuni cittadini che hanno espresso il loro dissenso sui ritardi e sulle mancate realizzazioni. Il vice sindaco Spallone, ha voluto ricordare che il Fortore si è visto escluso, addirittura, dal Piano territoriale regionale. Il sindaco Agostinelli ha ringraziato il ministro Mastella per la sensibilità mostrata nell'avere ancora una volta manifestato tutto il suo attaccamento verso S. Bartolomeo. «Mi auguro, ha detto il sindaco, che il ministro possa tornare a breve termine per festeggiare insieme a noi e alla cittadinanza per aver raggiunto importanti traguardi attesi da lungo tempo».

 

                         Da "Il Mattino" del 5/1/07 di C.A.