Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

ImageL’iniziativa, promossa dal gruppo ‘Stanchi di viaggiare su queste strade’ , denuncia la situazione di degrado in cui versano quotidianamente studenti e lavoratori che per svariati motivi hanno necessità di raggiungere i centri vicini.

 

 

 

 

Da tempo ormai i cittadini del Fortore protestano per le cattive condizioni delle Strade che collegano Montefalcone di Val Fortore con i paesi limitrofi, numerose le segnalazioni inviate ai mezzi d’Informazione, alla Provincia e a tutti gli Organi competenti ma nessuno sembra interessato a risolvere la situazione. Tanto che è nato un gruppo su Facebook che denuncia la situazione di degrado in cui versano quotidianamente studenti, lavoratori e cittadini che per svariati motivi hanno necessità di raggiungere i centri vicini come San Bartolomeo in Galdo e Benevento. Di particolare rilievo è l’assurda condizione della strada provinciale sp37 che collega Montefalcone di Val Fortore alla strada statale ss369 resa praticamente impraticabile dopo le frane dei giorni scorsi. Gli iscritti al gruppo manifestano il proprio dissenso e la propria rabbia verso gli organi competenti che non hanno mai fatto nulla per risolvere questo problema che si è aggravato recentemente a causa delle inverse condizioni atmosferiche ma che in realtà ha radici ben profonde. Infatti la denuncia va avanti da anni e puntualmente durante le campagne elettorali viene promesso dal politico di turno di risolvere il problema ma chissà perchè dopo le elezioni nessuno si fa più vivo, nè per risolvere la situazione nè per un minimo interessamento. Da segnalare inoltre la totale assenza di segnaletica stradale che nei mesi invernali mette in serio pericolo l’incolumità degli automobilisti costretti a spostarsi e a viaggiare in precarie condizioni. Il Gruppo, creato da Sandro Ciarmoli che si è fatto promotore dell’iniziativa, è denominato  "Stanchi di viaggiare su queste strade ( Fortore: Non pagate il bollo auto)" ha riscosso numerosi iscritti e col crescere degli utenti aumentano anche le documentazioni, le segnalazioni e le proteste. Sul gruppo infatti troviamo una vasta galleria fotografica che dimostra la reale condizione delle strade, davvero qualcosa di impressionante. I cittadini inoltre minacciano di occupare le strade qualora non ci sia un riscontro positivo con le autorità locali di competenza per risolvere la situazione di assoluto abbandono in cui vivono da molti anni. Ora dicono basta a promesse e prese in giro, di chiacchiere non ne possono più, ora si chiedono fatti e interventi concreti per il risanamento di tutte le strade.

da "82cento.it" del 11/02/09