Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Nell’ultimo consiglio comunale di San Bartolomeo in Galdo, oltre all’approvazione del bilancio di previsione si è accennato anche ad alcuni debiti fuori bilancio per l’ammontare di circa 541.466 euro, per lavori riguardanti l’Amborchia, spese legali, e risarcimenti a privati cittadini.

Il punto relativo a questi debiti è stato rinviato affinchè si acquisisse ulteriore documentazione in ordine alla eventuale copertura finanziaria. La maggioranza ha comunque deciso di adottare un a delibera di indirizzo tesa a definire queste passività pregresse  decidendo, qualora venissero riconosciuti, per una rateizzazione in tre esercizi finanziari, allo scopo, tramite concordati,  di evitare ulteriori procedimenti giudiziari per il recupero dagli aventi diritto e senza aggravare la spesa a caric del bilancio. Quindi una volta approvato il riconoscimento che avverrà tramite l’accertamento della copertura della relativa spesa con fondi del bilancio o contrazione di mutuo si potrà assicurare la disponibilità dei pagamenti. Il sindaco, sempre durante i lavori dell’assise, ha annunciato che il coordinamento dei Sindaci dei comuni aderenti all’Ambito B05, ha deliberato l’istituzione di una sede operativa presso San Bartolomeo in Galdo prevedendo tre figure professionali dell’Ufficio. “Un provvedimento, ha dichiarato lo stesso sindaco Marcasciano, che riconosce al comune di San Bartolomeo in Galdo il giusto ruolo nell’ambito delle attività e funzioni di servizi sociali”. Il consiglio ha anche approvato l’elenco, con relazione dell’Ufficio Tecnico Comunale, da allegare al bilancio, del patrimonio immobiliare comunale non suscettibile di valorizzazione come nel caso di particelle di terreni agricoli o stralci di strade abbandonate, definiti relitti,  che potrebbero essere permutati o alienati. Dalla relazione tecnica si evince che tale patrimonio è stimabile in 249.587,14 euro, mentre per le affrancazioni dei livelli, i terreni di risulta saranno quantizzati volta per volta con l’applicazione degli importi stabiliti da deliberazioni precedenti. Per quanto riguarda invece i terreni, comunali,  ricadenti nel Piano Urbanistico Comunale saranno variati di destinazione urbanistica e utilizzati per verde attrezzato.  

fonte: Samnium.info