Benevento.  
Cinque Ambulanze Rianimative; 45 Soccorritori; 4 Infermieri; 4 Medici e 5 Defibrillatori. Sono i numeri del servizio concordato con il il Tavolo Operativo della Questura che la Misericordia di Benevento ha messo in campo ieri per garantire i soccorsi durante la gara di Lega Pro Benevento – Lecce, per lo svolgimento del servizio sanitario allo Stadio Ciro Vigorito. Lo comunica, in una nota, il presidente Angelo Iacoviello che specifica anche come: “la Misericordia di Benevento è inserita nel GOS (Gruppo Operativo Sicurezza) con decreto del Prefetto di Benevento e collabora con la Società Benevento Calcio per il servizio sanitario all’interno dello Stadio Ciro Vigorito”.
Ancora nella nota si chiarisce che: le postazioni di soccorso erano dislocate sul terreno di gioco e in tutti i Settori dello Stadio.Ben diciassette gli interventi di Soccorso all’interno dello Stadio di cui 3 hanno visto, previa comunicazione con la Centrale Operativa 118, il ricovero ospedaliero: nr. 2 all’Ospedale Fatebenefratelli e nr. 1 all’Ospedale Rummo.
Un intervento di Soccorso con richiesta avuta dalla Centrale Operativa 118 per una donna colpita da malore in via Benito Rossi incrocio Viadotto delle Streghe e trasferita, sempre su indicazione della C.O. 118 presso l’Ospedale Rummo. Tutto il personale impiegato, ha fornito la propria opera dalle ore 14.00 alle ore 21.00 con professionalità massima ed in maniera totalmente gratuita, così come stile secolare dei Volontari delle Misericordie. Le ambulanze presenti erano tre della Misericordia di Benevento, una della Misericordia di Torrecuso e una della Misericordia di San Bartolomeo in Galdo. “Tanto dovevamo – conclude Iacoviello -, considerato la nostra presenza trentennale sul territorio, e il conseguente riconoscimento della nostra opera misericordiosa da parte della popolazione”.

Fonte: ottopagine.it