Una vigilia di Pasqua molto positiva per la Polisportiva Fortore che vince, nel campo dell’ASD Matrice, per 0-1.
L’ostica trasferta si è rivelata uno spiraglio di luce per la squadra Fortorina che sta combattendo per strappare il Primo Posto al Biccari. Prima vittoria dopo oltre un mese di sconfitte e pareggi: chi si aspettava che proprio questa ardua partita sarebbe stata quella fortunata?In realtà, in questi casi, la fortuna conta poco; la squadra fortorina è entrata in campo con tutta la rabbia che ha immagazzinato in questo triste mese, portando a casa i meritatissimi tre punti.
La partita è stata molto combattuta, difficilmente il Matrice concede punti in casa ma la compagine di Figliola questa volta non ha mollato, portando in campo la tecnica e la tenacia che nell’ultimo periodo sembrava aver perso.
Un super Zullo mette in difficoltà gli avversari con la sua caratteristica velocità, un Riccardi punitivo tenta più volte di sfondare la difesa avversaria sin dai primi minuti, Giuseppe Batman De Bellis para ogni colpo: la Polisportiva si è dimostrata una squadra equilibrata in ogni suo aspetto. Il Primo Tempo termina con un nulla di fatto, uno 0 a 0 che non rende giustizia ad un match tra due squadre validissime.
Nei primi minuti del Secondo Tempo Zullo cerca la rete, il portiere repentinamente para ma, non trattenendo la palla, serve a Cannizzo l’occasione per calciare un gol da 3 punti.
La classifica resta invariata: il Matrice(34) è ad un solo punto dai Casali Dauni, dal Petacciato e dalla Turris che, con 35 punti, condividono il terzo posto; la Polisportiva(46) accorcia le distanze dal Biccari che occupa la Prima Posizione con 51 punti.
Le sorti della compagine Giallonera dipendono dal Biccari che, con 5 punti di vantaggio, deve giocare ancora 6 partite prima del big match al Comunale di San Bartolomeo. Questa vittoria è stata fondamentale, non solo numericamente, ma anche moralmente parlando poiché ha riacceso l’entusiasmo nei tifosi, nella società ma soprattutto nei giocatori, affermando la consapevolezza che il campionato è ancora aperto e che bisogna combattere fino all’ultima partita.