Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

La primavera e l’ estate sono le stagioni ideali per poter ammirare l’esplosione della natura, l’autunno affascina per la varietà dei colori che offre il bosco, ma anche l’inverno può offrire scenari stupendi.

È bello incamminarsi anche con questo freddo secco per esplorare il bosco Montauro, per svariati motivi, si gode di aria ossigenata, dello scenario naturale e si provano sensazioni salutari e terapeutiche. Si avverte inoltre un’eccitante sensazione di sfida, anche per i più esperti scoprire cosa c’è oltre la collina che sta di fronte, guadare un torrente o camminare su un percorso mai esplorato in precedenza, fa scaturire un grande senso di avventura. Benché il camminare da soli abbia i suoi vantaggi, forse la maggiore quiete, è comunque più sicuro muoversi insieme ad amici.
Un fugace incontro con un cinghiale o un tasso, una volpe o una faina, un nibbio o una ghiandaia… E’ facile provare l’emozione, passeggiando nel bosco, di imbattersi in qualche selvatico. E’ solamente indispensabile seguire qualche piccola regola: procedere in silenzio ascoltando i suoni della natura, non muoversi bruscamente e osservare, ma soprattutto non disturbare le creature del bosco. Gli animali che vivono nel bosco sono davvero numerosissimi, grazie alla presenza di ambienti e vegetazioni diversificate che permettono l’adattamento di varie specie.
Se i pensieri sono tanti e le emozioni ancora di più, è meglio mettersi in movimento. Camminare aiuta a fare chiarezza, a vedere, a sentire con più precisione dove si vuole andare.