Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Espletata la gara d’appalto per le due opere pubbliche situate in rione Ianziti

Il 21 agosto 2003, presso la sede municipale sono state espletate le gare d’appalto a licitazione privata per l’aggiudicazione dei lavori di due opere pubbliche. Ne ha dato notizia il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale in data 5 settembre 203. La prima ha riguardato l’appalto dei lavori di ristrutturazione del Centro sociale sito in Rione Ianziti, nella zona di nuova espansione, e la seconda l’appalto dei lavori di sistemazione esterna della scuola materna, ubicata nel medesimo rione. Ambedue le licitazioni private sono state aggiudicate provvisoriamente alla ditta ‘Cerro Vincenzo’ di San Bartolomeo in Galdo. L’importo dei lavori a base d’asta per il Centro sociale era di euro 114.964,90. L’impresa ha prestato l’offerta più vantaggiosa per l’Ente civico e, quindi, per l’importo di Euro 100.249,39 al netto del ribasso del 12,80%, oltre Euro 6.050,78 per oneri riguardo la sicurezza sul cantiere. Alla gara avevano partecipato anche due ditte: quella dei ‘Fratelli Picciuto’ e della ‘G.A.I.A.’, ambedue pure locali. Per la scuola materna l’importo dei lavori a base d’asta ammontava ad Euro 126.521,10. La ditta ha indicato l’offerta, per un importo di euro 123.358,10, al netto ribasso del 2,5%, oltre Euro 2.582,06 per oneri per la sicurezza sul cantiere. L’impresa ‘Cerro’ è stata la sola a partecipare alla gara. Ricordiamo che il Centro sociale si trova nelle vicinanze del Centro commerciale ed artigianale. In esso si tengono riunioni, convegni e tavole rotonde. È gestito direttamente dal Consesso civico locale ed aveva bisogno di una sistemazione che lo rendesse più accogliente. E certamente con i lavori di ristrutturazione che presto la ditta ‘Cerro’ eseguirà, risponderà meglio alle esigenze di quanti si serviranno della struttura. Con la sistemazione esterna della menzionata scuola materna (è previsto anche un ampliamento dell’area circostante l’edificio), i bambini ne trarranno un utile vantaggio.

di Benedetto Canfora da “Il Sannio Quotidiano”