Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Con l’avvio delle attività didattiche, riprenderà anche il ‘Progetto Quercia’ dei bambini delle elementari che ha come coordinatrice l’insegnante Filomena Marcasciano.

Le vacanze estive hanno offerto ai bambini la possibilità di caricarsi di nuova energia, e di scrostare così la stanchezza accumulata nel corso delle attività didattiche. Da pochi giorni le scuole hanno ricominciato a far suonare la campanella e con l’inizio delle attività scolastiche, tra un pò riprenderà anche il ‘Progetto Quercia’. Il progetto è volto a promuovere atteggiamenti coscienti e corretti verso l’ambiente e a plasmare nei bambini la consapevolezza e il rispetto verso di esso. Tra le attività dello scorso anno, ha suscitato interesse particolare quella in cui i bambini coadiuvati dai nonni hanno ricercato e scoperto curiosità affascinanti, detti, superstizioni e proverbi attinenti alla tradizione contadina. I detti fanno da cornice ai loro disegni dai colori vivaci e molto espressivi:
“Se nel giorno di San Lorenzo mangiate una noce a digiuno, per tutto l’anno avrete saliva che avrà il potere di guarire tante malattie.”
“La pigna d’abete e la ghianda portano fortuna. In particolare, le pigne collocate nei campi ne proteggono i raccolti.”
“Le ombre lunghe a mezzogiorno e le foglie degli alberi rivolte all’insù sono presagio di pioggia.”
“Il pesco è simbolo di fecondità. Se i suoi fiori cadono precocemente sono indizio di malattia per gli animali.”
Durante un temporale piuttosto brutto è buona cosa bruciare fuori dalla finestra foglie e rami di ulivo benedetto.”
“La ragazza che vuol sapere se si sposerà presto, la sera di capodanno vada nella legnaia e si carichi le braccia di legna: se nel portarla al caminetto non cade nessun pezzo certamente si sposerà presto.”
“L’ombra del noce fa ammalare di febbre i malcapitati che vi si rifugino per riposare.”
“Chi non vuole essere più aggredito dal raffreddore afferri al volo una foglia cadente da un albero.”
“Un ramoscello di frassino tenuto in casa allontana la cattiva sorte e reca serenità.”
“La quercia protegge la casa presso la quale sorge.”
“Il sempreverde piantato in giardino o conservato in casa protegge la casa dagli incendi.”
“Se piove il giorno di Santa Croce non avrai ne fico ne noce.”
“Un talismano a forma di ciliegia rinsalda l’amore fra due persone.”