Il Commissario Boniello ha effettuato le variazioni al documento finanziario

Il commissario prefettizio, dott. Fiorentino Boniello, ha determinato l’assestamento di Bilancio di previsione 2003 per il Comune di San Bartolomeo in Galdo, conseguente al verificarsi di minori e maggiori entrate e spese. Ha effettuato le variazioni del documento finanziario come risulta dai seguenti prospetti: minori entrate Euro 22.462,87; maggiori entrate Euro 4.269.016,99; minori spese Euro 6.713,94; maggiori spese Euro 4.253.268,06. Il commissario ha, inoltre, dato atto che il Bilancio menzionato per effetto della delibera adottata e di altre precedenti, pareggia nelle risultanze finali come al seguente prospetto riepilogativo: parte entrata Euro 14.241.570,76; parte spesa Euro 14.241.570,76; avanzo amministrativo Euro 101.230,00; parte spesa Euro 14.241.570,76; maggiori entrate Euro 6.350,00; parte spesa Euro 6.350,00; maggiori entrate Euro 20.991,46; parte spesa Euro 20.991,46; maggiori entrate Euro 6.571,71; parte spesa Euro 6.571,71. Il risultato finale delle entrate e della spesa è in pareggio, ed è pari ad Euro 14.376.713,93. Copia della deliberazione è stata trasmessa alla Banca Popolare di Novara, quale Tesoreria comunale, per gli opportuni provvedimenti di competenza. Inoltre, l’Ufficio di ragioneria è stato autorizzato ad approvare le variazioni e gli storni già precedentemente annunciati, stante l’imminente chiusura del corrente esercizio finanziario ed a prevedere nelle partite di giro le somme trasferite dalla Commissione straordinaria di liquidazione. Il Commissario prefettizio ha provveduto all’assestamento di Bilancio in base all’art.175 del Decreto Legislativo 18/08/2000, n.265, che prevede che entro il 30 novembre di ciascun anno si proceda ad una verifica generale di tutte le voci di entrata e di uscita. Inoltre, vista la delibera della Commissione straordinaria di liquidazione con la quale la medesima approva il rendiconto finale della liquidazione e trasferisce al Comune le somme residue; considerato che per sopravvenute esigenze si è reso necessario, per l’esercizio corrente, far fronte a spese maggiori rispetto alle previsioni di competenza di alcuni capitoli; considerato, inoltre, che durante il corrente esercizio si sono verificate maggiori entrate ed uscite; dato atto che alcuni stanziamenti relativi ad Opere Pubbliche ed altri rientranti nel Piano annuale, saranno sistemati in sede di approvazione del Conto consuntivo 2003, in quanto attualmente non è possibile perché fino alla conclusione dell’anno potevano verificarsi entrate e pagamenti; visto il parere favorevole espresso dal Collegio dei revisori dei conti, si è deliberato in merito.

di Benedetto Canfora da “Il Sannio Quotidiano”