Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Conclusi i lavori della Rassegna – Fiera organizzata dall’Istituto «Vetrone». La nuova qualifica servirà a rispondere alle esigenze di formazione degli addetti al settore

Presso l’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente Mario Vetrone di Contrada Setteluci di San Bartolomeo in Galdo, sede coordinata di quella di Piano Cappelle di Benevento, si è svolta la Quarta rassegna della Fiera-convegno col patrocinio della Regione Campania Stapa Cepica di Benevento, sezione decentrata di San Marco dei Cavoti e della Camera di Commercio di Benevento. Presenti autorità scolastiche, militari, alunni, docenti e tanti cittadini. Il tema specifico del convegno, quest’anno, è stato “La valorizzazione del broccolo di San Bartolomeo”. L’Istituto ha voluto ribadire, con la rassegna, la sua vocazione a studiare, far conoscere, valorizzare, salvaguardare e migliorare la genuinità dei prodotti tipici e biologici che, da sempre, sono coltivati nella zona fortorina. Ha aperto i lavori il dirigente scolastico, prof. Antonio Cristofaro che, dopo i saluti, ha illustrato i motivi della rassegna evidenziando “l’importanza che la Scuola ha nel tessuto economico della Valfortore sia per la preparazione dei tecnici agricoli sia per l’azione rivolta alla valorizzazione delle produzioni tipiche locali. Sotto questo aspetto, l’Istituto è stato sempre attento ed un elemento significativo ne è la manifestazione”. Il Dirigente ha, inoltre, annunciato che per il prossimo anno partirà la nuova qualifica di operatore agrituristico, qualifica che riguarda il terzo anno, per rispondere anche ad un’esigenza di preparazione degli operatori sul territorio. “Elemento forte della Scuola – ha aggiunto Cristofaro – è l’avvio di numerosi progetti con finanziamenti europei e regionali. I progetti POL, con fondi europei, hanno visto, quest’anno, attività di stage formativi nelle aziende agricole. Per i progetti regionali vi sono quelli dell’I.F.T.S. (Istruzione, Formazione Tecnica Superiore). L’Istituto regge ed è molto attivo”. Luigi Carmine Circelli, funzionario Stapa Cepica di Benevento, ha trattato “La coltura del broccolo a San Bartolomeo in Galdo”, illustrando le caratteristiche della pianta del broccolo, le tecniche colturali, le produzioni, i consensi, la commercializzazione e le capacità nutritive del broccolo. Ha accennato alle vitamine A e B, ai minerali e alle fibre che hanno effetti benefici nell’organismo umano. Queste ultime hanno un’importante funzione, potendo prevenire alcuni disturbi dell’apparato gastrointestinale e contribuire ad abbassare le concentrazioni di glucosio e colesterolo nel sangue. Il dott. Alberto Martino, dello Stapa Cepica di Benevento, ha focalizzato l’attenzione sulla procedura per il riconoscimento della certificazione I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta) per il broccolo. Ha proposto, pertanto, la costituzione di un comitato promotore per il citato riconoscimento. “Per ottenere la certificazione – ha asserito – il comitato dovrà fare una relazione all’Assessorato regionale per l’Agricoltura e, successivamente, si dovrà avere il parere del Ministero competente e della Comunità europea. Il Ministero, infine, darà l’approvazione per il definitivo riconoscimento”. Dopo gli interventi dei rappresentanti delle organizzazioni agricole e produttive, è seguita la degustazione dei prodotti tipici della Valfortore offerti da agricoltori, laboratori alimentari e allevatori locali, i cui stand sono stati allestiti nell’ampio spazio dell’attiguo campo di gioco. La Fiera-convegno è stata organizzata con la collaborazione attiva del direttore dell’Istituto, prof. Francesco Pepe, e degli alunni.

di Benedetto Canfora da “Il Sannio Quotidiano”