Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

ImageL’amministrazione comunale ha reso noti i regolamenti per espletare le gare per appaltare i lavori relativi al ripristino e rifacimento di alcune importanti strade rurali, quali S. Salvatore, Mondrone, Cervale e S. Angelo. Tutte strade che collegano popolose contrade agricole al paese e che a seguito degli forti piogge dello scorso anno, erano state danneggiate in modo grave.

La spesa per gli interventi in questione si aggira attorno al milione di euro, con finanziamenti erogati dalla Protezione Civile. Va detto che la questione delle frane da anni rappresenta un serio problema per l’amministrazione di turno che ha sempre dovuto fronteggiare le emergenze attingendo al bilancio comunale, determinando spesso interventi blandi e provvisori, con spese ingenti. Ora gli agricoltori, e in generale tutti i cittadini, guardano con soddisfazione all’avvio dei lavori, augurandosi che questi siano eseguiri in modo da garantire una elevata stabilità strutturale. L’intero territorio di S.Bartolomeo è caratterizzato da una situazione morfologica e climatica che determina una notevole propensione al dissesto idrogeologico. Va però detto che fino a quando la coltivazione dei terreni, veniva operata attivamente anche per la conservazione del suolo e la regimazione delle acque eseguendo rimboschimenti diffusi ed importanti opere di sistemazione idraulico-forestale tanti dissesti non registravano. Successivamente pur avendo avuto un ruolo determinante la politica adottata dagli enti locali, soprattutto della Comunità Montana, circa la difesa del suolo e le leggi sulla montagna, per scongiurare eventi di calamità legati ai dissesti idrogeologici, la situazione dal punto di vista idrogeologico è peggiorata. A fare maggiormente le spese di questa situazione di precarietà sono state le infrastrutture rurali ed in modo particolare le strade. Ne consegue la necessità di un grande sforzo per restituire al territorio la possibilità di svolgere al meglio le proprie funzioni in merito alla difesa del suolo, anche in vista dei cambiamenti climatici in atto, per i quali sono previste, a detta di esperti, precipitazioni più intense e concentrate. Altri lavori che da qualche giorno sono stati iniziati riguardano i tratturi comunali. Quelli che fanno parte della grande rete fratturale di cui è caratterizzato il territorio del Fortore, il cui ripristino mediante una valorizzazione appare in perfetta sintonia con l’uso che oggi gli agricoltori ne potranno fare, come ad esempio percorsi adiacenti le strade rurali ed asfaltate a bordo di cingolati, con tappe in prossimità di antiche fontane per anni utilizzate dalla transumanza.

di C.A. da "Il Mattino"