Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

Di recente la decisione della Giunta Agostinelli, che riguarda alcune opere già affidate. Interventi di risanamento per il bosco Montauro, la villa comunale ed il giardino antistante l’immobile del Calvario.

La Giunta comunale di San Bartolomeo in Galdo ha, recentemente, proceduto alla nomina del Direttore dei lavori per gli interventi di recupero di alcune aree verdi del territorio, quali il Bosco Montauro, la Villa comunale ed il giardino antistante l’immobile del Calvario. I menzionati lavori, di urgente manutenzione e risanamento igienico-ambientale, erano stati già affidati con contratto n.26 del 22 settembre alla cooperativa Verde Fortore di San Bartolomeo in Galdo. L’Esecutivo, poi, al fine di procedere in maniera organica ed armoniosa alla sistemazione di dette aree, ha pensato di nominare un direttore dei lavori procedendo, pertanto, all’individuazione di un professionista preparato e competente in materia di scienze forestali, verde attrezzato, arredo urbano e sentieri boschivi. E, all’unanimità, ha deliberato la nomina del dott. Antonio Del Re. L’atto di nomina è stato partecipato all’interessato e comunicato ai Capigruppo consiliari, ai sensi di legge. La Giunta provvederà con successivo atto deliberativo ad assumere l’impegno di spesa riguardo l’incarico al menzionato professionista. Il Bosco Montauro ha una foresta che, con la sua verde penombra, durante l’estate costituisce una delle più naturali attrattive turistiche del Fortore. In poche ore si può effettuare una visita, inoltrandosi nei viottoli, per ammirare gli aspetti paesaggistici e forestali; per respirare anche aria pura ed ascoltare il canto degli uccelli. La Villa comunale, dove vi sono già vialetti, panchine, alcuni attrezzi per i giochi dei bambini ed alberi, ha bisogno che vengano ultimati pure i lavori dell’immobile per rendere funzionanti i servizi igienici. La collettività locale auspica che le citate aree vengano risistemate, in tempi brevi, per poterle godere nei momenti di relax.

di B.C. da “Il Sannio Quotidiano”