«Con pochissimi soldi, circa seimila euro, abbiamo potuto garantire il funzionamento dei bagni pubblici situati nella Villa Comunale.

Da anni gli anziani e le migliaia di persone che affollano il mercato domenicale, avevano fatto richiesta dei bagni pubblici in Via P. Circelli, ora abbiamo aperto al pubblico l’importante servizio». Il sindaco Donato Agostinelli ha commentato così l’apertura dei servizi igienici pubblici, uno per i portatori di handicap e due per donne e uomini, che tanti anni fa erano stati costruiti, nella villa comunale, e lasciati nel più totale abbandono a discapito dei tanti cittadini che in occasione dei mercati e fiere avevano più volte lamentato l’assenza dei bagni pubblici. Ieri la famosa fiera dei morti di S. Bartolomeo, nota in tutto il circondario pugliese, campano e molisano, ha fatto registrare un aumento notevole delle bancarelle. Due chilometri di mercato, frutta vestiario e casalinghi, che da Via Margherita raggiungeva la periferia direzione Foggia. Qualcuno ha commentato che si è registrata una presenza di forestieri che ha superato le seimila unità. Gli anziani hanno tenuto a precisare che in tanti anni non si era ai vista una fiera cosi grande. Per S. Bartolomeo questa fiera rappresentava tanto, soprattutto per l’acquisto e la vendita del bestiame. Il sindaco Agostinelli ha tenuto ad evidenziare che per il prossimo anno l’amministrazione si attiverà per garantire meglio servizi, ordine pubblico ed emergenza, creando ovviamente dei punti di fuga in caso di chiamata del servizio ambulanza. E mentre la gente si accalcava tra le bancarelle del mercato, nel perimetro urbano da due giorni circola la navetta che trasporta anziani e ragazzi da un capo all’altro del paese. Anche questo un servizio atteso da tanto tempo. Un adempimento che ha trovato il consenso unanime della popolazione che in occasione della festività dei morti ha trovato comodo raggiungere con maggiore facilità il cimitero. Molte vecchiette hanno potuto usufruire del servizio, soprattutto le tante che vivono sole. Da precisare che la passata amministrazione aveva acquistato un costoso autobus di linea urbana, senza però mai fatta funzionare. Ora in attesa che il mezzo potesse attivarsi si è pensato di usare momentaneamente un pulmino. Alcune delle tante promesse elettorali che a quanto pare sono state ampiamente mantenute. Ma Donato Agostinelli assicura altre novità per i cittadini tra cui un’altra strada che da Via S. Vito giungerà al bivio Serra S. Marco strada Cappella.

di C.A. da “Il Mattino”