Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Il progetto di bonifica e messa in sicurezza sarà illustrato ai cittadini. Per il risanamento della discarica, che sarà operato dalla società Impregeco, occorrono 150 mila euro.

Una buona notizia per la discarica di Serra Pastore di San Bartolomeo in Galdo. Finalmente, è giunto il momento della sua chiusura. E così il fetore, avvertito sinora non solo nelle vicinanze della medesima ma anche in paese, terminerà. Anche i grossi camion con rimorchio carichi di fos e sovvalli, che attraversano le strade fortorine per sversare i loro nauseabondi carichi nella Discarica fortorina, lo faranno ancora per alcuni giorni. Ma andiamo con ordine. Una ulteriore ordinanza sindacale ha stabilito che dal 27 ottobre scorso e fino a sabato 6 novembre, “presso la discarica di Serra Pastore è possibile lo sversamento dei fos che hanno subito tutti i percorsi di maturazione e stabilizzazione, secondo quanto previsto dal Piano regionale con le seguenti prescrizioni: gli automezzi di trasporto devono arrivare in Discarica dalle ore 9.00 alle 12.00, compreso il periodo di sversamento; dalle 12.00 gli stessi automezzi possono ripartire, percorrendo la strada provinciale per Castelvetere in Valfortore-Decorata-Colle Sannita ecc.”. Il sindaco Donato Agostinelli ha fissato per martedì 9 novembre, alle ore 10.30, un convegno pubblico, per illustrare il progetto di bonifica e messa in sicurezza della stessa Discarica. Pertanto, ha invitato autorità, cittadini ed alunni delle scuole di ogni ordine e grado. Il progetto di bonifica, del costo di 150 mila Euro, è stato predisposto dalla società Impregeco. Il Sindaco, precedentemente, aveva emesso altre ordinanze di sospensione immediata relative al conferimento di qualsiasi tipo di fos o altro genere di rifiuti nella discarica di Serra Pastore. Le stesse erano, poi, state modificate parzialmente, dopo una riunione svoltasi presso la Prefettura di Benevento il 26 ottobre di quest’anno, alla presenza del commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, Catenacci, di funzionari dell’Arpac e dell’Asl Bn1. Copia dell’ultima ordinanza è stata trasmessa alla Prefettura, all’Arpac ed al Commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, all’impresa Fibe S.p.a, al Consorzio Bn3, al Comando Stazione Carabinieri di San Bartolomeo in Galdo ed al Distretto sanitario 23, ad ognuno per le rispettive competenze.

di B.C. da “Il Sannio Quotidiano”