Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Consiglieri provinciali d’accordo: apriamo subito l’ospedale di San Bartolomeo in Galdo, tenendo presente l’esigenza di potenziamento della struttura.

Consiglieri provinciali d’accordo: apriamo subito l’ospedale di San Bartolomeo in Galdo, tenendo presente l’esigenza di potenziamento della struttura. L’argomento è approdato ieri in Aula su proposta dei consiglieri di opposizione Barricella e De Cianni e dell’indipendente Marcasciano. I tre consiglieri chiedevano di valutare il declassamento della struttura fortorina da pronto soccorso attivo a centro di riabilitazione. Si è aperto un dibattito conclusosi con l’approvazione, all’unanimità, di un testo proposto dal consigliere di maggioranza Giuseppe Lamparelli. “Il Consiglio provinciale – si legge nel documento approvato dal parlamentino sannita – fa voti alla Regione Campania e alla ASL di consentire al più presto la piena funzionalità della struttura ospedaliera di San Bartolomeo in Galdo e di potenziare quanto prima i servizi ivi previsti, ivi inclusi il Pronto Soccorso Attivo e ogni altra emergenza, in maniera di ampliare il più possibile le prestazioni erogabili dal predetto ospedale, così come nel resto del territorio”. Un documento che ha voluto fare sintesi, riuscendoci visto il voto unanime dell’aula, tra chi vede di buon occhio l’apertura di una struttura sostanzialmente diversa da quella prevista nel Piano ospedaliero e chi ritiene insopprimibile la presenza di un pronto soccorso adeguato alle popolazioni del vasto e tormentato territorio fortorino. Il testo varato dal Consiglio provinciale prevede infatti una sorta di doppio binario: apertura subito, potenziamento in prospettiva. Il Consiglio ha inoltre deciso di rinviare la discussione sull’assestamento del Bilancio dopo una istruttoria presentata dall’assessore Valentino e dalla stessa Commissione consiliare competente presieduta da Mario Borrelli, in attesa che il Ministero comunichi formalmente il riconoscimento di una nuova dotazione finanziaria di rimborso Iva a favore della Provincia. Nuovo scontro tra la maggioranza e il duo di opposizione Barricella – De Cianni. Questa volta l’oggetto del contendere erano le procedure di mobilità del personale da altri enti alla Provincia. “Procedure non corrette”, hanno lamentato i due esponenti di opposizione, che hanno poi accusato l’assessore Valentino di fornire dati non veritieri. Parole che hanno suscitato la dura reazione del consigliere di maggioranza Lamparelli e dell’intera maggioranza consiliare, che ha respinto la mozione Barricella – De Cianni.

da “Il Sannio Quotidiano”