Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::
Discarica Serra PastoreStangata forse prevedibile, considerata l’emergenza rifiuti, ma sempre traumatica per i cittadini. Peraltro, vittime di insufficienze nel servizio e per ampi tratti delle recente storia, costretti a ospitare discariche per sovvenire alle difficoltà di altre realtà. E così l’arrivo delle cartelle relative alla tassa sui rifiuti ha fatto esplodere la protesta.

Molti cittadini di S. Bartolomeo in Galdo avranno dovuto rivedere qualcosa circa le uscite in termini di bilancio familiare. Coloro i quali avevano già accantonato la cifra destinata al pagamento della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, hanno dovuto rivedere il tutto. E tra la meraviglia, trasformatasi in rabbia, la tassa è aumentata, senza alcun preavviso, di circa il quaranta per cento. Troppo per i tantisimi anziani che vivendo soli non trovano alcun nesso logico tra il pagamento della tassa in base al metraggio dell’abitazione e al fatto che la produzione dell’immondizia risulta quasi zero essendo il nucleo familiare composto da una sola persona. Un problema che si innesta su un fenomeno che caratterizza purtroppo in particolare i centri della Valle del Fortore. Dunque, stangata sulla bolletta anche se di chiarimenti in merito alla questione non ve ne sono stati. Una situazione che ha suscitato una prima dura reazione degli esponenti della locale sezione del Psi che, con un manifesto, oltre ad aver denunciato pubblicamente il torto subito dai cittadini circa l’aumento in questione, la presenza di una discarica in loco e il mancato beneficio che di fatto potrebbe trarsi dalla raccolta differenziata, invocano la chiarezza amministrativa, ed un trattamento più equo rispetto al pagamento dei tributi comunali. Chieste all’amministrazione risposte esaurienti con un pubblico comizio. Il sindaco Agostinelli appare tranquillo è dal canto suo non esistono motivi impopolari: «Semplicemente cerchiamo di applicare le normative, le leggi e circolari imposte dal governo attuale e da quello precedente, sulla gestione dei rifiuti. Riguardo al risparmio, siamo stati molto chiari, dice il sindaco, se la raccolta differenziata, che ribadisco ancora viene operata in maniera sperimentale, di fatto supererà il settanta per cento dell’eliminazione dei rifiuti, comportando alle aziende che riciclano ulteriori abbattimento dei costi allora questo consentirà il risparmio per i cittadini mediante alcune accurate operazioni in più. Ad esempio se la plastica, il vetro e l’alluminio, vengono consegnati sommariamente puliti, questo rappresenta un risparmio. Riguardo altre contestazioni, al di la della puerilità adottata nel fare demagogia, ed aizzare la gente, che ha capito, noi non abbiamo fatto nulla di impopolare, abbiamo invece garantito l’eliminazione del problema rifiuti, ottimizzeremo il servizio per i cittadini e allocheremo i contenitori per le contrade agricole. E non facciamo passare per esasperati i cittadini maleducati e sprezzatnti dell’ambiente. Il resto sono chiacchiere che denotano solo con quale spirito si muovono le nuove figure politiche future, facendo denotare solo la vera appartenenza politica contestatrice e non costruttiva».
 
 
da "IL MATTINO" del 22/07/08 di C.A.