Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

Guardia di FinanzaLa Guardia di Finanza della Tenenza di San Bartolomeo in Galdo ha scoperto un laboratorio, a San Marco dei Cavoti, in cui venivano illecitamente cuciti i marchi di alcune delle più note “griffe” nazionali su biancheria intima. La responsabile è stata denunciata a piede libero all’Autorità Giudiziaria competente per il reato di contraffazione e uso di segni distintivi di prodotti industriali, nonché per ricettazione, non avendo la stessa provato l’origine della merce rinvenuta.

 

Venivano comprati capi intimi (slip e boxer) a prezzi stracciati che poi venivano trasportati nel Fortore dove venivano confezionati con copie di marchi delle note aziende “Dolce e Gabbana” ed “Emporio Armani”. I finanzieri hanno rinvenuto circa mille indumenti intimi già confezionati. Sugli altri slip e boxer rinvenuti dovevano essere ancora applicate le false etichette, costituite da fascia elastica, di cui la ditta ne disponeva per oltre 1.600 metri, utili per confezionare oltre duemila capi contraffatti. 

“Il materiale sequestrato se, immesso sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno di diverse migliaia di euro oltre a recare un notevole danno all’immagine delle aziende titolari dei marchi originali”, si legge in una nota della Guardia di Finanza. 

 

 da "ILQUADERNO.IT" del 20/01/09