Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

Nella terra il bove traccia

 

con l’aratro il dritto solco;

con la forza delle braccia

sparge il seme il pio bifolco.

Spiga già la messe al vento

ondeggiando tutta d’oro;

ogni chicco di frumento

si trasforma in un tesoro.

Il mulin, rombando, il grano

frange in candida farina;

il fornaio la raffina,

staccia, intride a mano a mano;

cuoce poi nel forno ardente

gli odorosi bianchi pani

e li porge alle tue mani,

o mio piccolo ridente.

Bambini, per noi

l’aratro, il molino

il buon contadino

 

lavorano, e i buoi.

(V. Brocchi)