Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

La Comunità Montana del Fortore ha preso atto delle prime pronunce favorevoli per l’Ente relative ai decreti ingiuntivi proposti da alcuni operai forestali per il pagamento di indennità chilometriche. 

Il Tribunale Ordinario di Benevento – Sezione Lavoro – ha infatti sospeso la provvisoria esecutività dei decreti ingiuntivi opposti, ritenendo la sussistenza di gravi motivi posti alla base della decisione.
Per l’Ente Montano, che è difeso nella vertenza dall’Avv. Salvatore Circelli di San Bartolomeo in Galdo, si tratta di pronunce che, seppure provvisorie sono estremamente importanti in quanto bloccano l’aggressione ingiustificata alle finanze dell’Ente e mirano a far chiarezza in una materia delicatissima per attestare dei comportamenti corretti tesi ad una buona gestione amministrativa e contabile.
Estrema soddisfazione è stata espressa dai vertici della Comunità Montana. “Pur comprendendo il dramma di tante famiglie di operai – afferma il Presidente Zaccaria Spina – riteniamo che il problema vada affrontato in chiave politica, sindacale e tecnica a livello di Regione Campania.
La nostra Comunità Montana, infatti, così come tutte le venti della Regione e tutti gli altri Enti delegati combattono contro le ormai note storture del procedimento regionale, per cui si ribadisce l’assoluta convinzione che il proliferare dei contenziosi nei confronti dei singoli Enti, serve solo ad aggravare la situazione con il rischio di portarla al collasso; nella stragrande maggioranza dei casi, gli Enti delegati sono assolutamente incolpevoli della situazione che si è creata e pagano le spettanze non appena ricevono gli accrediti della regione.”
Intanto per giovedì 2 Luglio sono state convocate presso la Comunità Montana del Fortore le organizzazioni sindacali per affrontare una serie di problematiche inerenti il settore ed in particolare l’attuazione del piano 2015. 

fonte: ntr24