Sarà presentato presso la Sala consiliare della Comunità Montana del Fortore il lavoro svolto dagli studenti dell’Istituto Superiore “Medi-Livatino” per il progetto “Ridatemi il Futuro”. 

Si terrà a San Bartolomeo in Galdo, il 23 giugno alle ore 18.00, presso la Sala consiliare della Comunità Montana del Fortore la presentazione del lavoro svolto dagli studenti dell’Istituto Superiore “Medi-Livatino”, nell’ambito del progetto “Ridatemi il Futuro”. Il progetto ha coinvolto le classi seconde del Liceo Scientifico e dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura di San Bartolomeo in Galdo, del Liceo Classico e dell’Istituto Tecnico Economico di San Marco dei Cavoti, dell’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici di Baselice. “L’idea del progetto – ha affermato la dirigente scolastica Gaetana Lanzito – nasce dalla volontà di rafforzare negli studenti il senso di appartenenza alle proprie comunità nonché di far loro acquisire I mezzi per saper riconoscerne i tratti fondamentali, quello che con termine latino si suole definire Genius loci, da qui – continua la dirigente – la proposta di coinvolgere gli studenti nella scelta di un tema e nello sviluppo di un progetto che potesse esprimere perfettamente il desiderio di mettersi in gioco e costruire qualcosa per il futuro del proprio territorio”. I ragazzi hanno scelto di lavorare intorno ad un progetto di valorizzazione dei propri centri storici, focalizzando l’attenzione sugli antichi portali che ancora oggi conferiscono pregio ai paesi della Valfortore. Sotto la guida di un esperto di restauro architettonico, Luigi Raia, i ragazzi hanno svolto indagini, realizzato interviste ed effettuato rilievi, mettendo a punto un vero e proprio progetto di restauro che potesse riportare alla bellezza originaria questi manufatti, che presentano particolari di grande pregio. Durante le attività, le classi sono state seguite da tre docenti tutor di progetto, Laura Papa, Incoronata Cilenti e Antonio Tosto, e cinque docenti tutor di classe, Silvana D’Imperio, Francesca Palumbo, Alessandra Boffa, Rosanna Tremonte e Igino Casillo, che hanno coordinato gli incontri e fornito un supporto continuo alle classi coinvolte. Nella fase finale, l’esperto di grafica Vincenzo Esposito, ha guidato i ragazzi nell’attività dedicata all’inserimento di tutti i materiali raccolti e prodotti nel sito web dedicato al progetto. La sede della Comunità Montana del Fortore è stata scelta come teatro della manifestazione finale per l’importante ruolo di sintesi delle forze positive che animano la vita sociale del nostro territorio da essa rappresentato. “Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta dell’Istituto Superiore Medi- Livatino – ha affermato il presidente dell’Ente Zaccaria Spina – di ospitare all’interno della sede della Comunità Montana la presentazione del progetto ‘Ridatemi il futuro’. Cercheremo di favorire la giusta attenzione da parte delle istituzioni dei dodici comuni sull’importante iniziativa anche al fine di individuare ed eventualmente utilizzare tutte le potenzialità che potranno emergere”.

Fonte: ilquaderno.it