Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Miglior dato in Italia per la raccolta differenziata secondo i dati Ispra del 2015 quello di San Lorenzo Maggiore. Bene la Provincia di Benevento e la Campania. 
Il Sole24ore ha pubblicato stamani una mappa (Infodata) inerente alla raccolta differenziata in Italia – i dati Ispra sono inerenti a 2015 – e dalla quale si evince come la Campania si posiziona tra le prime regioni dietro Veneto la Sardegna e le Marche, male invece la Sicilia. Bene, secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, il Sannio che raggiunge percentuali di raccolta differenziata pregevoli anche se non in tutti comuni, sotto la soglia del 50% solo San Bartolomeo in Galdo (48.05%) o poco sopra: Fragneto l’Abate(52.95%), Campolattaro(56.03%), Casalduni(58.50%), Melizzano(53.76%), Castelfranco in Miscano(54.45%), Campoli del Monte Taburno(56.48%), Torrecuso(57.38%), Ceppaloni (58.89%), Calvi(59.83), Foiano di Val Fortore(58.03%), Castelpoto(59.83%).
Ottimo il risultato di San Lorenzo Maggiore (94.40%) che racimola il miglior dato in Italia. Superano l’80% anche Moiano, Dugenta, Solopaca, Guardia Sanframondi, Durazzano, Paolisi, Bonea, Montesarchio, Apollosa, San Leucio del Sannio, Sant’Angelo a Cupolo e Montefalcone di Val Fortore.
Diversi anche i centri che superano quota 70% come Cerreto Sannita, Tocco Caudio, Paduli, Circello, Apice, Faicchio, Pietrelcina, San Martino Sannita, Pannarano, Paupisi, Airola, Pago Veiano, Ginestra degli Schiavoni, Castelvenere, Cautano, Castelvetere in Val Fortore, Forchia. Una miriade i comuni che invece si attestano sopra il 60% di raccolta differenziata a partire da Benevento (63.91%), Cusano Mutri, San Lorenzello, Baselice, Colle Sannita, Castelpagano, Santa Croce del Sannio, San Salvatore Telesino, Arpaia, Sant’Agata de’Goti, Frasso Telesino, Bucciano, San Nicola Manfredi, San Nazzaro, San Giorgio del Sannio, Arpaise, Sant’Arcangelo Trimonte, Buonalbergo, San Giorgio la Molara, Molinara, San Marco dei Cavoti, Reino, Amorosi, Puglianello, Vitulano, San Lupo, Pontelandolfo, Morcone, Sassinoro, Pietraroja, Pesco Sannita, Fragneto Monforte, Foglianise, Ponte, Limatola.
Tra i capoluoghi di provincia Napoli si piazza all’ultimo posto con appena il 24.20%, Salerno è seconda dietro Benevento con il 63.21%, seguono poi Caserta con il 47.27% e Avellino con il 34.40%.
Per il Sannio, dunque, raggiungere la media migliore ovvero: quella dei comuni veneti che sfiora l’85% non è un’impresa anche perché quello di San Lorenzo Maggiore è il miglior dato in Italia. Ma la strada intrapresa è decisamente quella giusta. Certo vanno fatti degli sforzi ulteriori. 

Fonte: ilquaderno.it