Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Un piccolo comune potrebbe puntare sui bambini. Pensare ad un luogo d’eccellenza per la loro crescita. Un luogo in cui famiglia e scuola siano il nucleo attorno al quale ruota un sistema.

Un paese a misura di bambini educa i genitori, li aiuta, gli vuole bene. Crea cicli di incontri.

Un piccolo comune può favorire la propensione dei bambini all’esplorazione, può tornare ad essere comunità educante, una comunità accudente. Forse non è tanto questione di servizi, ma di relazioni, di cultura, di comunicazione, di qualità. Un piccolo paese può costruire rete.
Un piccolo comune può puntare su una crescita equilibrata, sulla pedagogia, sul benessere. Un piccolo comune potrebbe incentivare la lettura dalla nascita, i giardini sensoriali, le fattorie didattiche, i boschi, il dialogo, l’autonomia, stazioni per lo scambio di libri, angoli per la lettura. In un piccolo comune a scuola si potrebbe andare a piedi, anzi la scuola potrebbe andare fuori.

Si potrebbero fare gli orti con i nonni e poi martellare e poi cucire, cucinare. Un paese a misura di bambini non trascura le tradizioni e onora le nascite. Un paese a misura di bambini favorisce la cooperazione, il legame tra generazioni, il rapporto con chi è andato via. Un piccolo comune educa all’ambiente, al rapporto con gli animali, alle stagioni, a riconoscere il vento. Un paese a misura di bambini lascia le piazze per giocare. Un piccolo comune stimola l’empatia.

Un paese a misura di bambini non permette loro di intrattenersi davanti ad uno schermo. Un paese a misura di bambini gli mostra come si fa il formaggio, il miele e l’olio. Un piccolo paese sa che non ha speranze senza i propri bambini. Dall’infanzia alle superiori sostiene una scuola che cresce con le aziende, con le proprie tipicità, con le proprie risorse. Un paese a misura di bambini pensa a lungo termine, non al voto di oggi. Un paese a misura di bambini si occupa di bellezza, di partecipazione, di idee.

Un paese a misura di bambini ha compreso che non è una città, che ha la sua identità, il suo stile, il suo ritmo. Un paese a misura di bambini punta sull’armonia, sui respiri lenti, su una mano sempre pronta ad aiutare.

Un paese a misura di bambini va molto molto bene anche per gli adulti.