Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Convegno provinciale. Arriva anche il sindaco di Reggio Calabria. Accuse alla vecchia classe politica.Interventi di Capezzone e Mazzoni

I problemi del Sud e del Sannio al centro di un convegno promosso da Alleanza Nazionale. Dovevano prendere parte all’assise anche il sottosegretario Pasquale Viespoli e l’on. Italo Bocchino, ma per impegni sopraggiunti non hanno potuto prendervi parte. Nell’aula consiliare, l’introduzione dei lavori è toccata a Mauro De Ieso, vice presidente provinciale di An, il quale ha tenuto a precisare che l’iniziativa della federazione provinciale è tesa a creare un nuovo sistema di confronto e di dibattito. È seguita la relazione del sindaco Marcasciano, con l’appunto critico, ampiamente condiviso, sia pure tacitamente, dagli altri sulla disattenzione e la latitanza della classe politica in relazione ai problemi che da decenni rimasti irrisolti, hanno costituito il freno a qualsiasi tipo di sviluppo socioeconomico del territorio. Una precisa disamina quindi della questione ospedale e di quella riguardante la viabilità. Per l’ospedale, nella convinzione che nonostante le continue rimodulazioni dei progetti e la riduzione dei posti letti, non c’è da sperare in una struttura che serva a salvaguardare la salute dei cittadini, ha proposto di ipotizzare nel fabbricato, ancora incompiuto, il funzionameno di un centro di ricerca specialistica, mentre quanto alla strada occorre puntare sul Prusst, con la realizzazione dell’asse viario che, dall’Asi di Benevento, attraverso la fondovalle «Calise» arrivi al Pip di S.Bartolomeo e si colleghi poi con la Campobasso-Foggia. Salvatore Colatruglio, da parte sua, ha trattato il tema della privatizzazione dei servizi, sulla base delle disposizioni legislative, e dei criteri e delle modalità di assegnazione dei servizi a gestori unici. In particolare ha fatto riferimento agli ambiti territoriali ottimali e ai vantaggi registrati in parecchie realtà territoriali della provincia, a seguito dell’affidamento ad aziende a prevalente capitale privato del servizio idrico integrato. Quanto alla gestione delle risorse del territorio, ha insistito sulla necessità che le infrastrutture consentano la fruibilità del territorio. L’on. Erminia Mazzone ha ribadito il suo impegno per la soluzione dei problemi delle zone interne, soffermandosi sul trattamento egualitario che il governo intende organizzare per le zone del Nord e del Mezzogiorno, pur nel rispetto delle differenze esistenti tra le due realtà. Per la questione sanità e quella viaria ha tenuto a far sapere che per molti aspetti le competenze della Regione costituiscono un impedimento anche alle iniziative governative. «Alleanza nazionale – ha puntualizzato il presidente provinciale Roberto Capezzone nel suo intervento – con questo convegno ha voluto dimostrare che pratica il linguaggio della politica che ascolta il territorio e che rispetta la vocazione delle aree interne». E Giuseppe Scoppeliti sindaco di Reggio Calabria, ha voluto ricordare come il Sannio fu molto generoso nei suoi confronti nella consultazione per le europee, ed ha aggiunto che la «classe dirigente di An punta ad eliminare le vecchie logiche che non hanno cosentito il decollo di parte del meridione». Inoltre si è scagliato contro la devastazione del territorio con i pali eolici. Sul Pit Pietrelcina ci è stato l’intervento di Andrea Cardone.