‘Analisi e iniziative politiche’, ne discutono i Ds in assemblea

I soci, abbastanza numerosi, della sezione dei Democratici di Sinistra si sono riuniti in assemblea per discutere il tema ‘Analisi politica e iniziative da intraprendere in occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e del Consiglio comunale di San Bartolomeo in Galdo’. Ha aperto la seduta il segretario politico, prof. Nicola Martucci, relazionando sulla vita del partito a San Bartolomeo negli ultimi due anni e mezzo, da quando, cioè, egli è responsabile della Sezione dopo l’abbandono di quasi tutto il gruppo dirigente precedente, passato ai Comunisti Italiani. “È stata una strada tutta in salita – ha detto Martucci -, anche perché da circa 10 anni i DS a San Bartolomeo non hanno un rappresentante né al Comune né alla Comunità Montana del Fortore, malgrado ciò gli iscritti crescono e il partito c’è anche se si poteva fare molto di più e di questo io me ne assumo le eventuali responsabilità senza polemizzare con nessuno, perché in un momento delicato come questo, l’importante è costruire e non distruggere”. Il Segretario sezionale ha aggiunto che bisogna dare più spazio ai partiti politici, più voce agli elettori e che bisogna dire basta alla personalizzazione della politica e dare più spazio alla democrazia vera. Accorato, come sempre, l’intervento del prof. Raffaele Iannelli molto critico nei confronti di chi ha avuto grosse responsabilità nella vita politico-amministrativa di San Bartolomeo e del Fortore. Altri compagni sono intervenuti nel dibattito, integralmente verbalizzato dal vicesegretario, prof. Bozzelli. Inoltre, è intervenuto il senatore Angelo Flammia relazionando sulla politica nazionale e sulla necessità di tenere unito il Partito e di auspicare alleanze che rispecchino il quadro politico nazionale, regionale e provinciale. Dello stesso avviso, infine, le conclusioni del segretario della Federazione diessina di Benevento, Rossano Insogna, che ha invitato i compagni alla prudenza ed alla compattezza, “per evitare possibili strumentalizzazioni. Le elezioni Europee hanno un significato altamente politico e per le lezioni comunali, che si terranno in contemporanea il 12 e 13 giugno 2004, si deve scendere in campo per vincerle, privilegiando e dialogando con tutti i partiti della Sinistra, del Centro sinistra e con le Associazioni del territorio, sulla scia della splendida esperienza che sta vivendo la Provincia di Benevento con l’ottimo presidente, on. Carmine Nardone, e la Regione Campania con il presidente Bassolino”.

di Benedetto Canfora da “Il Sannio Quotidiano”