Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Il Comune concede un contributo all’UOSM per l’acquisto di un apparecchio TV.

Su richiesta del dirigente dell’UOSM (Unità Operativa di Salute Mentale), dottor Lorenzo Piombi, che ha sede presso il Distretto sanitario n.23 di San Bartolomeo in Galdo, l’Amministrazione attiva comunale ha concesso un contributo di euro 350,00 necessario per l’acquisto di un apparecchio TV completo di D.V.D.. L’impegno di spesa è stato assunto al capitolo 760 del bilancio 2005. La somma menzionata sarà liquidata al responsabile dell’Unità Operativa nella persona del dottor Salvatore Marcasciano, che dirige il Centro Diurno di Riabilitazione. L’ufficio di ragioneria, pertanto, è stato autorizzato ad emettere il relativo mandato di pagamento agli aventi diritto. L’apparecchio TV sarà utilizzato presso il Centro Diurno di riabilitazione psico-sociale dell’Asl di San Bartolomeo in Galdo, al fine di favorire la socializzazione degli utenti che frequentano la struttura mentale. Nel mese di dicembre di ogni anno, alcuni giorni prima della ricorrenza del Santo Natale, presso la sede dell’Unità operativa di Salute Mentale c’è lo scambio degli auguri, per rinsaldare il legame tra pazienti ed operatori. Sono presenti anche: il dottor Gennaro Casillo, dirigente del Centro di Salute Mentale; il dottor Giancarlo Cappella, dirigente di psicodiagnostica e psicoterapia, nonchè il personale amministrativo ed infermieristico. La ricorrenza ha inizio con una celebrazione eucaristica in un locale della sede del Distretto sanitario. Segue un momento di animazione musicale ed uno squisito buffet. Poi, vi sono gli scambi di auguri per il Natale e per il Nuovo Anno. Vi partecipano utenti dei Comuni di Baselice, Castelvetere in Valfortore, Castelfranco in Miscano, Foiano di Valfortore, Buonalbergo, Ginestra degli Schiavoni, Molinara, Montefalcone di Valfortore, San Giorgio la Molara, San Bartolomeo in Galdo e San Marco dei Cavoti. Non mancano autorità civili, militari e scolastiche. Il Centro di Riabilitazione è molto attivo: esso è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico-riabilitative che ospita i pazienti durante il giorno. Il 21 dicembre scorso, dopo la celebrazione della Messa da parte di mons. Franco Iampietro, davanti ad un caratteristico presepe, è stata scoperta e benedetta una statua della Madonna, che “vi aiuterà nel delicato lavoro – ha detto il celebrante – e vigilerà su tutti voi”.

di B.C. da “Il Sannio Quotidiano”