Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::
Discarica di Serra Pastore Tempi brevi per il risanamento dell’area di “Serre Pastore” in agro di San Bartolomeo in Galdo dove furono scaricate circa 90.000 tonnellate di rifiuti solidi urbani. Le modalità d’intervento sono state definite quest’oggi in una riunione di servizio svoltasi alla Rocca dei Rettori e a cui hanno partecipato funzionari del Commissariato di Governo per l’emergenza rifiuti, dell’ARPAC (Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania), della Provincia, del Consorzio rifiuti. Presenti anche il sindaco di San Bartolomeo in Galdo Donato Agostinelli e i tecnici della direzione dei lavori.

Per la messa in sicurezza della discarica si è deciso che si procederà ad una serie di rilievi e di analisi, compresa l’acqua di falda, al fine di verificare l’efficacia di alcuni lavori preliminari per contrastare la fuoriuscita di percolato. Successivamente, se questi risultati saranno conformi alle attese di blocco di eventuali fonti di inquinamento, si procederà alla apertura del cantiere per il risanamento definitivo di Serre Pastore. L’intervento, che dovrebbe essere ultimato in sei mesi, prevede la copertura dell’intera zona, il riempimento con terreno vegetale ed il rimboschimento.