Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Una decisione da attribuire a quelle esigenze di bilancio che impongono una riduzione della spesa che il comune affronta per manutenzione e rette scaturenti dal Centro Geriatrico S. Bartolomeo meglio noto come Casa di Riposo.

Queste sono alcune delle ragioni che hanno spinto la giunta municipale a deliberare l’alienazione e vendita della casa di riposo, in considerazione anche delle notevoli problematiche afferente ai rapporti locativi, al pagamenti dei canoni ed altro circa la sua gestione. Un centro geriatrico considerato un fiore all’occhiello per l’intero Fortore. Non più ospizio vecchio stile, ma efficiente struttura per il ricovero e l´assistenza socio-sanitaria agli anziani non autosufficienti, la cui gestione è affidata alla cooperativa sociale Helios che per la struttura di San Bartolomeo in Galdo impiega circa 13 operatrici al servizio di 24 anziani ospiti. “Una decisione – ha detto lo stesso sindaco Gianfranco Marcasciano – che nostro malgrado, la struttura fu realizzata dal sottoscritto, ci costringe ad agire per il bene del comune che si vede costretto ad affrontare spese al fronte delle quali non sono sufficienti le entrate che poi scaturiscono solo dalla locazione. Indiremo un’asta pubblica dopo la valutazione dell’immobile che è già in corso.”  Cambierà qualcosa per gli anziani in termini di garanzie fino ad oggi assicurate dallo stesso comune come il pagamento di retta per i più bisognosi?  Secondo il sindaco non cambierà nulla. “Abbiamo deciso – continua il sindaco – di acquisire al patrimonio comunale l’edificio del Calvario, ubicato nel cuore del paese con un ampio giardino e ben servito da ogni servizio. La nostra intenzione è di intercettare i finanziamenti per adibirlo a struttura socio sanitaria per i malati di alzheimer e parte di esso anche a casa di risposo, che poi sarebbe la destinazione per cui è stata realizzata all’inizio del secolo scorso.” Il Calvario è attualmente di proprietà della Curia e della Parrocchia, e sembra che lo stesso parroco Don Franco Iampietro, non essendo più in grado di affrontare le spese di manutenzione, perché l’edificio necessita di interventi importanti ha accolto la proposta del sindaco.     

fonte: Samnium.info