9.9 C
San Bartolomeo in Galdo
martedì, 26 Ottobre 2021

Acquista la tua casa a San Bartolomeo in Galdo a partire da solo 1 euro

Malva sylvestris

Malva Sylvestris, Linneo 1753. Sinonimi: Malva selvatica, marva, melba, varmetta. Divisione Magnoliophyta, Famiglia Malvacae, Genere Malva 
Descrizione: Pianta erbacea bienne e perenne; ha una radice a fittone e il fusto può essere alto fino a un metro e coperto di peli. Le foglie sono palminervie, con il lobo terzo leggermente maggiore rispetto agli altri due.

I fiori sono riuniti in fascetti all’ascella della foglia, peduncolati con una corolla di cinque petali, rosei-violacei con strie più cariche. Il nome è la contrazione del latino “mallire alvum” (ammorbidire il ventre) per indicare le proprietà salutari della pianta.
Habitat: Lungo i viottoli ben assolati del bosco Montauro, ai margini dello stesso e nei prati confinanti esposti a sud. La quota di ritrovamento varia dagli 820 mslm a scendere sui 760 mslm (quota di riferimento bosco Montauro 842 mslm). Il terreno vegetativo è tendenzialmente leggero e sabbioso.

Droga (parte della pianta che contiene sostanze farmacologicamente attive): La radice, le foglie e i fiori.

Composizione della pianta:
1) Mucillagini;
2)  Potassio;
3) Ossalato di calcio;
4) Pectina;
5) Vitamine.

Periodo di raccolta: Le foglie possono venire raccolte durante tutta l’estate, recidendole senza il picciolo; i fiori vanno colti in bocciolo, prima che la fioritura sia completa. La radice si raccoglie in autunno.Conservazione: Foglie e fiori si essiccano all’ombra in strati sottili; le prime si conservano in sacchetti di carta o tela, i fiori in vasi di vetro al riparo dalla luce.

Utilizzi
Fitoterapia: I preparati di Malva silvestre attenuano lo stato di infiammazione della bocca e della gola, sono espettoranti nel caso di bronchiti e di catarri ostinati, sono antinfiammatori (calmano le infiammazioni), regolano l’intestino e ne calmano i dolori spastici. Sono adatti particolarmente all’organismo delicato dei bambini e degli anziani. Le radici di Malva silvestre sono leggermente analgesiche (calmano il dolore) e guariscono i formicolii; inoltre si possono strofinare sulle gengive per pulire i denti. Curarsi con la Malva.

Preparati per uso interno
Effetto curativo per le tossi, i raffreddori, le costipazioni intestinali

(schematizzazione rispetto al            metodo estrattivo impiegato):

Infusi (1)
Una manciata di foglie fresche di malva
Latte 1 litro
*  Lasciare sbollentare nel latte le foglie, filtrare e aggiungere miele a piacere. Consumarne 4-5 tazzine al giorno contro la tosse.

Infusi (2)
Una manciata di foglie fresche di malva
Acqua 1 litro
*  Dopo la bollitura delle foglie nell’acqua lasciare riposare per 10 minuti, filtrare accuratamente e dolcificare con zucchero o miele a piacere. 

Decotti (1)
50 grammi di Malva (parte aerea della pianta)
Acqua 1 litro
*  Lasciare sbollentare la pianta per 1 minuto; trascorso questo periodo lasciate riposare per 15 minuti e filtrate. Consumarne 3 tazze al giorno a digiuno, come cura, meglio se preventiva, contro le emorroidi.  

Decotti (2)
40 grammi di Malva (parte aerea della pianta)
20 grammi di erica (sommità fiorite)
Acqua 1 litro
*  Lasciare sbollentare per 10 minuti; trascorso questo periodo filtrare.  Consumare 3 tazze al giorno di questo decotto (mattino, pomeriggio e sera), sempre lontano dai pasti, come rimedio contro la cistite.

Preparati per uso esterno
Per le infiammazioni delle mucose della bocca e della gola, gengive fragili, nevralgie dentarie, pelli arrossate, formicolii, pruriti.

Infuso
5 g di fiori e foglie
100 ml di acqua
*  Fare sciacqui, gargarismi, lavaggi, applicare compresse imbevute di infuso, più volte al giorno.

 Compresse
10 g di malva parte aerea
2,5 litri di acqua
*  Lasciare in infusione finchè intiepidisce l’acqua, quindi filtrare accuratamente. Applicare sulle palpebre, al mattino e alla sera, compresse bagnate con questo decotto per dare sollievo agli occhi affaticati.

Uso cosmetico
Crema
20 g di malva fresca (parte aerea) sminuzzata
150 g di burro
80 ml di acqua
*  Aggiungere il tutto a fuoco lento finchè tutta l’acqua sarà evaporata. Quindi filtrare bene per mezzo di una tela sottile. Pulire perfettamente il viso e applicate la crema massaggiando con cura per attenuare le rughe.

Uso in cucina
Grazie al suo sapore leggermente dolciastro, usata nei risotti o nelle minestre è in genere eccezionale. Ottima anche per preparare polpette e ripieni per ravioli. I fiori possono ingentilire le pietanze essendo commestibili al pari delle foglie.

Fotografia: Marco Monari

Antonio Vinciguerrahttps://www.docenti.unina.it/antonio.vinciguerra
Farmacologo presso Università degli Studi di Napoli Federico II. Contro il pensiero unico. Per un nuovo umanesimo delle montagne.

Articoli Correlati

Rispondi

Meteo SBiG

San Bartolomeo in Galdo
cielo coperto
9.9 ° C
14.8 °
9.7 °
72 %
2kmh
100 %
Mar
14 °
Mer
13 °
Gio
15 °
Ven
15 °
Sab
19 °

Consigli per la lettura