Puoi leggerlo in circa < 1 minuto :::

A voler tracciare un resoconto dell’attività amministrativa nel 2002 è d’obbligo fare riferimento ai tanti lavori pubblici realizzati, alcuni dei quali comportanti impegni finanziari assai rilevanti. E’ stato soprattutto il centro storico quello cui l’Amministrazione di San Bartolomeo ha rivolto il maggiore interessamento con la costruzione della strada Monachelle, la sistemazione e la nuova pavimentazione di Piazza Garibaldi, Piazza Municipio e Corso Roma, l’installazione di nuovi impianti di illuminazione pubblica, la realizzazione di un parcheggio nell’area sottostante la casa comunale. E continuata l’opera di sistemazione del cimitero, che ha portato alla costruzione di un nuovo ingresso e di un parcheggio nell’area adiacente, opportunamente delimitata da aiuole. Di particolare importanza l’intervento sull’Amborchia, la scorciatoia che dalla ex 369 conduce direttamente alla superstrada Campobasso-Foggia. Realizzati,infatti, tre svincoli, due da e per Foggia, uno per Campobasso. Fatti completare, infine, i lavori di ristrutturazione e riattamento dell’ex cinema, con adeguata sistemazione della breve rampa, che dal fabbricato porta alla centralissima Piazza Garibaldi.
Per il nuovo anno, stando alla programmazione e alle prospettive, si annunciano altre realizzazioni, relative in parte alla valorizzazione del centro storico, in parte alle strade interne. Dovrà essere rifatta Via Leonardo Bianchi, i cui lavori sono stati già appaltati; dovranno essere completati i lavori di collegamento tra la stessa Via Bianchi e la strada Monachelle; dovrà essere portata a termine la costruzione del parcheggio, con annessi box, a valle dell’ex cinema; dovrà essere sistemata la zona Sannio, le cui traverse di collegamento con Via Pasquale Circelli risultano tutte abbisognevoli di adeguata ripavimentazione. Altre due opere già in cantiere riguardano il campo polivalente e la piattaforma ecologica, la cui costruzione è stata disposta direttamente dalla Regione. Assunto altresì impegno per la realizzazione dell’ultimo svincolo dell’Amborchia, quello da Campobasso, con superamento di alcune difficoltà legate all’esproprio di una striscia di terreno agricolo da utilizzare per i lavori.
Il 2003 è destinato però ad offrire un servizio che i cittadini hanno atteso a lungo e che sembrava non potersi mai ottenere: è la metanizzazione, che dovrebbe portare nelle case la nuova fonte di energia e consentire alle famiglie notevole risparmio. Quasi completato, infatti, l’impianto centrale e già effettuati molti collegamenti con i fabbricati, i cui proprietari ne avevano fatto richiesta. A parte tutto questo, da evidenziare una sollecitazione perché l’Amministrazione porti a soluzione due questioni: la prima riguardante l’apertura del nuovo teatro, risultando strano che per due volte, in agosto e a dicembre sia stata fatta slittare quando mancavano solo poche ore all’inaugurazione, pubblicizzata anche attraverso manifesti. Vanno attentamente esaminate le cause con eliminazione di eventuali inconvenienti emersi o fatti emergere. L’altra questione è la messa in funzione della circolare: il servizio è indispensabile sia per il collegamento del vecchio centro abitato con la zona di espansione, sia per favorire quanti hanno necessità di recarsi al distretto sanitario e agli ambulatori funzionanti presso la struttura ospedaliera.