Puoi leggerlo in circa 3 minuti :::

Al microfono si sono succeduti l’architetto Amodeo ed il neo sindaco Agostinelli. Il primo cittadino ha dichiarato la disponibilità a potenziare il servizio, estendendolo alle zone ancora scoperte

Sabato scorso, alle ore 21.30, in Piazza Garibaldi, si è svolta la cerimonia di apertura del gas e l’accensione della fiammella blu, alla presenza di tanti concittadini, autorità militari, istituzionali, impiegati ed operai, della ditta Claudio Favellato di Fornelli (IS), che hanno realizzato l’impianto. Al microfono si sono succeduti l’architetto Amodeo ed il neo sindaco Agostinelli. Il primo ha ricordato che l’Amministrazione civica del tempo, avviò le procedure unitamente all’allora capo dell’Ufficio Tecnico Comunale, geom. Donato Agostinelli, “attualmente vostro Sindaco per l’aggiudicazione dell’appalto alla nostra Società”. Si è detto felice di incontrare la collettività di San Bartolomeo in Galdo, porgendo un saluto a tutti anche a nome del titolare della Società, presente in Piazza. Ha ricordato che nel 1997 furono avviate le procedure per la realizzazione della rete del gas metano i cui lavori iniziarono l’anno successivo e che dopo qualche anno il Governo emanò la normativa per il rifinanziamento della metanizzazione nel Mezzogiorno. Ha aggiunto che il Comune ha potuto, poi, dimostrare l’avanzamento dell’opera per rientrare nella priorità del finanziamento, che copre il 50% del costo. “La rimanente spesa – ha detto Amodeo – è stata coperta da contributi diretti della Società”. Ha ricordato, inoltre, che è stato possibile avere un fondo anche per gli allacciamenti tant’è che la quota per gli utenti è più bassa di quella prevista in un primo momento. Ha, poi, dato qualche dato numerico: “Per fare arrivare il gas nelle vostre case è stato necessario costruire 15.000 metri di condotta di trasporto che partono dalla cabina che si trova nei pressi di Colle Sannita, con un ulteriore punto di avvicinamento che ha fatto eseguire la Snam alla nostra Società per altri 5 km, oltre a 15.000 metri di distribuzione nel vostro paese”. Ha ringraziato: il Comune che, spesso, è stato chiamato a deliberare; l’impresa Del Bus; l’ing. Antonio D’Andrea, direttore dei lavori, e tutti coloro che hanno lavorato per la realizzazione dell’opera. Ha invitato, infine, il Sindaco ad accendere formalmente la fiammella blu per ufficializzare l’attivazione dell’impianto. Tutti hanno applaudito calorosamente. Donato Agostinelli, nel suo intervento, ha ringraziato tutti i tecnici che hanno realizzato l’impianto, la numerosa gente presente in Piazza e rivolto un saluto a nome di tutta l’Amministrazione comunale. “È sempre bello – ha affermato il neo Sindaco – incontrarsi per eventi piacevoli e tagliare il nastro di un atteso traguardo. A tutto questo si aggiunge anche l’orgoglio per la meta raggiunta, oggi, per un lavoro iniziato 20 anni fa”. Ha detto che per lui è stato anche un successo politico per la battaglia intrapresa nel lontano 1985, quando già era Consigliere provinciale. “Ringrazio Il Sannio Quotidiano, – ha detto – che è sempre attento ai problemi cittadini, per aver riportato, stamattina, tutta la storia del metano a San Bartolomeo”. Ha, inoltre, aggiunto di godere il risultato delle storiche lotte, prima per far riconoscere al CIPE la fattibilità del Bacino d’utenza, poi per sollecitare il finanziamento. “Storicamente parlando – ha detto – ho seguito il problema sin dalla nascita; all’inizio ho avuto un ruolo politico forte, che ha consentito la fattibilità del Bacino d’utenza che fu chiamato Campania 15. Senza del detto Bacino non si poteva procedere al passaggio dell’appalto dall’impresa del Gasdotto di Bari alla ditta Favellato. Quindi, si diede il via alla metanizzazione del Bacino che comprendeva l’intero Fortore”. Inoltre, ha aggiunto di essere stato il Responsabile della metanizzazione sin dall’inizio, come capo dell’U.T.C. “Per bontà vostra, mi trovo, ora, ad inaugurare l’inizio dell’erogazione del metano, e sono disponibile, insieme con gli altri amici di maggioranza, per potenziare il Servizio, estendendolo alle zone ancora scoperte”. La ditta Favellato ha, infine, offerto a tutti i presenti un aperitivo con pasticcini.

di Benedetto Canfora da “Il Sannio Quotidiano”