Puoi leggerlo in circa 2 minuti :::

Un documento che rispetta le norme comunitarie e nazionali, mobilita risorse su co-finanziamento dell’Unione Europea – Regione Campania pari a 5 milioni di Euro.

È quello firmato tra Provincia di Benevento e Regione Campania che sancisce la siglata convenzione per la bonifica della discarica Serra Pastore a San Bartolomeo in Galdo. La comunicazione giunge direttamente da Claudio Ricci presidente della Provincia di Benevento e da Giuseppe Di Cerbo consigliere provinciale delegato. La Convenzione, siglata dal dirigente Michele Palmieri della Regione Campania ,conferisce certezza al finanziamento e costituisce l’ultimo tassello di un invero lungo e tormentato iter amministrativo.

Il Settore Tecnico della Provincia infatti, è oggi in condizione di poter mettere un punto fermo definitivo sulla bonifica. In sostanza, si era corso il rischio che il finanziamento, approvato con una precedente Agenda di lavori europei, fosse revocato a causa di una serie di problemi. Come si ricorderà, sebbene vi fosse una promessa di finanziamento e fosse stata riconosciuta da tutti l’improcastinabile necessità della bonifica, l’intervento è stato fermo al palo: purtroppo, tra gli altri ostacoli che impedivano i lavori, v’era anche un provvedimento di sequestro dell’impianto imposto dalla Magistratura, provvedimento incompatibile con la rigida tempistica imposta dalle regole europee.

Per assicurare la bonifica intervenne, dunque, la decisione della Provincia, assegnataria della promessa di finanziamento, di impegnare somme del proprio Bilancio, pari ad oltre 300mila Euro, per far fronte, in caso di revoca europea, alle spese per la progettazione definitiva ed esecutiva della bonifica del sito. Grazie ad un’interlocuzione con la Regione, che diede il proprio benestare all’operazione, la Provincia bandì la gara d’appalto. Ora, con la Convenzione siglata in queste ore tra Regione e Provincia, tutta la procedura seguita dalla Rocca dei Rettori è stata approvata ed è stata certificata la presenza in cassa delle risorse necessarie per procedere ai lavori.

Si può dunque dare il via all’ultima parte della procedura consistente nella predisposizione della progettazione definitiva e di quella esecutiva. Secondo una stima attendibile i lavori potrebbero cominciare entro la fine dell’anno in corso.

fonte: il Quaderno